Fermato dalla polizia perché nero, lo sfogo del calciatore: “E’ vergognoso”

Un calciatore ha rivelato di essere stato fermato dalla polizia con una scusa solo perché nero e al volante di un'auto di lusso

Victor Anichebe, attaccante nigeriano che in passato ha vestito le maglie di Everton, West Bromwich Albion e Sunderland ed attualmente svincolato, è stato fermato dalla polizia, a suo dire, solo perché nero. Il 32enne ha rivelato a Sky Sports di essere stato seguito nel Merseyside per oltre cinque minuti, prima di essere fermato al volante di un’automobile di lusso. “Molte volte sono più equilibrato, ma a causa di tutto quello che sta succedendo sono solo stanco” lo sfogo di Anichebe. “Mi hanno seguito per cinque minuti buoni, mi hanno fermato e mi hanno detto che ho guidato su un marciapiede. Ho detto che è una vergogna ed è solo perché sono nero e guido una bella macchina che mi hanno fermato. Continuavano a dire… questa è routine e non dovrei essere arrabbiato. Ma lo siamo, siamo tutti arrabbiati. Siamo stanchi delle cose che stanno succedendo“. La polizia ha replicato che Anichebe è stato fermato per controllare il suo standard di guida così da assicurare la protezione di tutti i soggetti coinvolti.

Insulti razzisti e discriminazioni ai calciatori, licenziato allenatore del Bayern Monaco