Germania e Francia corrono, Italia e Spagna faticano: ma siamo sicuri che la pausa sia stata uno svantaggio?

Siamo sicuri che la pausa durante il lockdown sia stata uno svantaggio per le squadre europee in vista delle Coppe? A giudicare dai risultati non si direbbe

Facciamo una premessa prima di introdurre il discorso. I passaggi del turno di Lipsia e Bayern Monaco sono più che meritati, ci mancherebbe. Mettiamoci dentro anche il Paris Saint Germain, che nonostante i gol soltanto alla fine ha creato tanto contro l’Atalanta e avrebbe potuto segnare pure prima. Detto ciò, una domanda ce la si può porre pur senza affrettarsi in giudizi che, comunque, non daranno mai una risposta certa: siamo sicuri che la pausa post lockdown sia stata uno svantaggio?

Mi spiego meglio, per i meno attenti. Alla ripresa dei vari campionati post lockdown, con un occhio già ad agosto per le Coppe Europee, il dubbio che in tanti si ponevano era fondamentalmente uno: sarà avvantaggiato chi avrà già minuti sulle gambe e quindi più pronto fisicamente oppure chi è fermo da tempo e quindi più riposato? Il dibattito si è aperto quasi subito ma non è mai stato chiuso. Le correnti di pensiero erano opposte anche se sembrava prevalere la prima linea. In Italia e Spagna si è ripreso a giocare e i campionati si sono conclusi a ridosso dell’inizio delle Coppe, con minuti e benzina sulle gambe per le squadre coinvolte. In Francia il torneo non è più ripreso e, al netto della Coppa di Lega, la pausa è stata lunga e le amichevoli poche e poco attendibili. In Germania, invece, si è ripreso e finito prima di tutti, con una pausa abbastanza ragionevole per poter ricaricare le pile ed evitare infortuni.

Alla luce del cammino in Champions, ci sentiamo di affermare che – quindi, però – a prevalere sembra essere stata la seconda strada. Abbiamo visto un Lipsia correre il doppio dell’Atletico, al di là dell’atteggiamento tattico di Simeone. Abbiamo visto un Bayern Monaco surclassare prima atleticamente che tecnicamente un Barcellona sulle gambe. Abbiamo visto un’Atalanta completamente a terra nella ripresa, beffata da un PSG fresco e avvantaggiato anche dalla panchina lunga. Abbiamo visto un Lione – anche se la gara di Torino è poco indicativa – eliminare una Juve stanca, distratta e confusionaria.

Risultato? In Germania e Francia, in cui erano fermi da un po’, le squadre corrono e abbattono totalmente Italia e Spagna, in cui i tornei erano terminati a ridosso dell’inizio delle Coppe. Non è l’unica scusante, ovviamente. Ci sono di mezzo altri tipi di problemi, ad esempio per Juve e Barça. C’è un modo di fare calcio, per Lipsia e Bayern, al momento superiore alle altre, per idee, freschezza e giovinezza. Ma, lo ripetiamo – com’era d’altronde preventivabile – le rose lunghe e la condizione fisica alla fine hanno avvantaggiato le più forti o comunque quelle alle prese con meno acciacchi o infortuni.

E l’Europa League, direte voi? Lì i discorsi sono diversi perché entrano in gioco altri fattori. Il divario fra le squadre è più ampio e meno equilibrato e, in quel caso, la tecnica prevale su altri elementi. Non per niente Siviglia, Inter e Manchester United – tra le favorite da un po’ – sono arrivate in fondo.

Messi e il Barça presi di mira sui social: i meme più divertenti del web, e c’è anche l’Inter… [FOTO]

Messi e Ronaldo, fine di un’era? Nessuno dei due in semifinale di Champions, non accadeva da 15 anni

Stampa spagnola, non c’è pietà per il Barça: “Vergogna, fine di un ciclo” [FOTO]

Rivoluzione Barcellona! Piqué è durissimo, Setien va via e Bartomeu annuncia: “Già prese decisioni”

Barcellona, è la seconda sconfitta peggiore della sua storia…

Il Barça è a pezzi, Messi di più: la solitudine dei numeri primi. Strane idee per il futuro?

Barça-Bayern è come il calcetto del giovedì, ma i tedeschi “si mangiano” i blaugrana: clamoroso 2-8!