Semifinali di Champions, la prima volta non si scorda mai: il Lipsia si iscrive al club e vuole emulare l’Aston Villa

Il Lipsia è per la prima volta in semifinale di Champions League. Il club tedesco si aggiunge alla ristretta cerchia di chi ci è riuscito

La Champions League 2019-2020 sta regalando tante sorprese. Sarà la formula rinnovata dopo la pandemia, ma tante “big” hanno salutato prematuramente la competizione. A partire dai campioni in carica del Liverpool, eliminati dall’Atletico Madrid, per proseguire con Tottenham, Juventus, e la stessa squadra di Simeone. La più grande sorpresa, almeno fino ad ora, è il Lipsia di Nagelsmann, squadra capace di raggiungere la sua prima semifinale di Champions League dopo soli 11 anni di vita. Ma i tedeschi non sono gli unici ad essere riusciti in un’impresa del genere. Tante squadre prima di quella della Red Bull avevano centrato quest’obiettivo. Siamo andati a ritroso per vedere chi aveva raggiunto la prima e unica semifinale della sua storia. Dalla Fiorentina al Manchester City (che sabato, però, potrebbe bissare) passando per club decaduti come il Gyor o il Derby County.

Semifinaliste di Champions: la prima volta non si scorda mai

Dal 1955 (data in cui prese il via la Coppa dei Campioni) ad oggi sono 37 le squadre arrivate per la prima e unica volta della loro storia in semifinale. Alcune si sono fermate alle porte di un sogno, altre sono arrivate all’ultimo atto e hanno avuto cocenti delusioni, altre ancora hanno raggiunto l’Empireo del calcio europeo. Andiamo rapidamente a vedere chi sono queste squadre, alle quali si è aggiunta il Lipsia.

  • 1955-1956

Hibernian: La strada più facile per l’Hibernian. Gli scozzesi raggiunsero la loro prima semifinale nella prima edizione della Coppa dei Campioni. Si fermarono nel doppio confronto con i francesi dello Stade de Reims, a loro volta sconfitti dal Real Madrid in finale (4-3).

  • 1956-1957

Fiorentina: L’anno successivo fu la volta della Fiorentina. I viola raggiunsero la loro prima ed unica semifinale dopo aver eliminato Norrkoping e Grasshoppers. Penultimo atto contro la Stella Rossa, eliminata nel doppio confronto (0-1, 0-0). I gigliati si arresero soltanto al mitico Real Madrid di Gento e Di Stefano.

  • 1957-1958

Vasas Budapest: Grande tradizione nei primi anni della Coppa dei Campioni per le squadre ungheresi. Il Vasas Budapest eliminò l’Ajax, dandogli sei gol complessivi. Poi si arrese. Indovinate a chi? Ovviamente al Real Madrid.

  • 1958-1959

Young Boys: Fatti fuori l’MTK Hungaria e il Karl-Marx Stadt, squadre ormai scomparse, gli svizzeri persero la doppia semifinale contro lo Stade de Reims.

  • 1959-1960

Eintracht Francoforte-Rangers Glasgow: Le due squadre arrivarono per la prima volta in semifinale e si trovarono di fronte. Dominio dei tedeschi nel doppio confronto (1-6, 6-3). Poi show di Di Stefano (tripletta) e Puskas (poker) in finale, nel 7-3 del Real Madrid.

  • 1960-1961

Rapid Vienna: Gli austriaci vennero sconfitti dal Benfica, poi vittorioso in finale sul Barcellona.

  • 1961-1962

Standard Liegi: Semifinale da dimenticare per i belgi che, dopo aver eliminato i Rangers nei quarti, crollarono contro il Real Madrid (4-0, 0-2).

  • 1962-1963

Dundee FC-Feyenoord: Come nel 1959-1960 due novelle semifinaliste. Entrambe, però, eliminate. Gli scozzesi dal Milan (poi vincitore della coppa), gli olandesi dal Benfica.

  • 1964-1965

Gyori ETO: Ancora un’ungherese protagonista. Il Gyori ETO eliminò squadre non certo celeberrime prima di arrendersi al Benfica in semifinale.

  • 1965-1966

Partizan Belgrado: Vittime eccellenti, invece, per i serbi: Nantes, Werder Brema, Sparta Praga e Inter. Poi la sconfitta di misura ed onorevole contro il solito Real Madrid.

  • 1966-1967

Dukla Praga: Anche i cechi mieterono vittime importanti quali l’Anderlecht e l’Ajax. Poi il Celtic, futuro campione d’Europa, pose fine alla corsa del sorprendente Dukla.

  • 1968-1969

Spartak Trnava: Gli slovacchi dello Spartak Trnava eliminarono l’AEK Atene ai quarti, ma in semifinale si arresero all’Ajax, a sua volta superato dal Milan in finale.

  • 1969-1970

Legia Varsavia: I polacchi fecero fuori St Etienne e Galatasaray prima di arrendersi, anche loro in semifinale, al Feyenoord.

  • 1972-1973

Derby County: La leggendaria squadra guidata da Brian Clough, dopo aver eliminato colossi quali il Benfica, si arrese alla Juventus, sconfitta poi dall’Ajax nell’ultimo atto della competizione.

  • 1973-1974

Ujpest: L’ennesima ungherese e l’ennesimo stop in semifinale, stavolta ad opera del Bayern Monaco, poi campione.

  • 1977-1978

Club Brugge: I belgi eliminarono Atletico Madrid e Juventus, poi si arresero al Liverpool in finale.

  • 1978-1979

Malmo-Colonia-Austria Vienna: Un tris di semifinaliste pioniere nell’edizione della Coppa dei Campioni 1978-1979. Austria Vienna e Malmo si trovarono di fronte, con gli svedesi a passare in finale. Il Colonia venne sconfitto, invece, dal Nottingham Forest di Clough, futuro campione d’Europa.

  • 1981-1982

Aston Villa: Gli inglesi furono la prima squadra a vincere la finale. Eliminate Dinamo Kiev ed Anderlecht, i ‘Villans’ ebbero la meglio del Bayern Monaco.

  • 1982-1983

Real Sociedad-Widzew Lodz: Altre due nuove semifinaliste nell’edizione successiva. Ad andare in finale però furono Amburgo e Juventus, con i tedeschi poi campioni.

  • 1983-1984

Dinamo Bucarest-Dundee Utd: Romeni e scozzesi protagonisti nell’edizione 1983-1984. La finale, tristemente nota ai tifosi della Roma, fu vinta dal Liverpool ai rigori.

  • 1984-1985

Bordeaux: I francesi vennero eliminati dalla Juventus in un doppio confronto equilibrato. I bianconeri alzeranno poi la loro prima Coppa dei Campioni.

  • 1985-1986

Goteborg: Svedesi che diedero filo da torcere al Barcellona, prima di arrendersi ai calci di rigore. A vincere la finale fu però la Steaua Bucarest.

  • 1988-1989

Galatasaray: Dopo le vittorie contro Xamax e Monaco, i turchi crollarono contro la Steaua Bucarest. Leggendario il successo del Milan in finale.

  • 1990-1991

Spartak Mosca: Vittime di lusso per i russi: Napoli prima, Real Madrid poi. Fu il Marsiglia ad eliminare lo Spartak, prima di arrendersi in finale alla Stella Rossa.

  • 1995-1996

Nantes: Stagione da incorniciare per i francesi. Girone vinto da prima davanti a Panathinaikos e Porto, poi l’eliminazione dello Spartak Mosca. Il Nantes si arrese alla Juventus, poi vincitrice.

  • 2001-2002

Bayer Leverkusen: Superato un girone di ferro con Deportivo, Arsenal e Juve, i tedeschi fanno fuori in fila: Liverpool e Manchester United, perdendo poi in finale contro il Real Madrid per colpa del leggendario gol al volo di Zinedine Zidane.

  • 2003-2004

Deportivo La Coruña: Fu l’anno della sorpresa Porto, ma anche del Monaco. Gli spagnoli eliminarono, ahi noi, due italiane: Juve e Milan, prima di arrendersi alla squadra di Mourinho in semifinale.

  • 2005-2006

Villarreal: È il Sottomarino Giallo di Forlan, Riquelme, Senna e Cazorla. Superata l’Inter ai quarti grazie ai gol in trasferta, il gruppo di Manuel Pellegrini si arrende in semifinale all’Arsenal.

  • 2010-2011

Schalke 04: Altra grande sorpresa degli ultimi anni. I tedeschi, vinto il girone davanti al Lione, Benfica e Hapoel, fanno fuori prima il Valencia e poi l’Inter campione in carica. La squadra di Rangnick, trascinata da Raul, si arrenderà allo United in semifinale.

  • 2015-2016

Manchester City: Ancora Pellegrini protagonista. Gli inglesi si arresero al Real Madrid, dopo una doppia semifinale tiratissima.

  • 2019-2020

RB Lipsia: L’ultima squadra, almeno per adesso, ad aver raggiunto per la prima volta la semifinale è il Lipsia di Nagelsmann. I tedeschi proveranno ad avanzare ancor di più.

Come abbiamo detto sono 37 le squadre arrivate per la prima ed unica volta in semifinale, 36 tralasciando il Lipsia. Di queste 6 sono arrivate in finale ma hanno perso; 29 sono state eliminate in semifinale; solo una, l’Aston Villa, è riuscita a sollevare il trofeo. Il Lipsia, dopo aver scritto un pezzo di storia, proverà a fare un altro piccolo passo ed iscriversi ad un club davvero prestigioso: quello delle squadre che hanno vinto la Coppa dei Campioni/Champions League dopo aver raggiunto la semifinale per la prima volta.

Julian Nagelsmann e il Lipsia, un binomio perfetto: gioventù, talento e idee contro il “vecchio” calcio