Il Cagliari dà il benservito a Zenga, per lui rimorso o frecciata? “Non dovevo accettare quel contratto…”

Il Cagliari ha dato il benservito a Walter Zenga, che non siederà sulla panchina rossoblu la prossima stagione: per lui rimorso o frecciata?

Walter Zenga non sarà l’allenatore del Cagliari nella prossima stagione. L’ex portiere di Inter e Nazionale, arrivato a stagione in corso in Sardegna per via dell’esonero di Maran, sembrava poter essere confermato dalla dirigenza rossoblu, perlomeno questo pareva trapelare fino a qualche giorno fa. Oggi, però, è arrivata la separazione ufficiale. Il presidente ha comunicato al tecnico di non voler proseguire con lui, tant’è che già iniziano a circolare le prime voci sul successore.

Ai microfoni di Sky, Zenga ha ovviamente accettato la decisione, ma si è lasciato andare anche ad un’affermazione amara, un misto tra il rimpianto e la frecciata: “È nel diritto del presidente decidere di fare ciò che vuole. Se lo ha fatto, ha avuto dei buoni motivi. Io non ho niente da rimproverarmi. L’unico nostro difetto è stato di fare 10 punti subito e metterci nella condizione migliore. Forse ho fatto male ad accettare un contratto fino a fine stagione con una clausola praticamente impossibile da raggiungere. Quale? Il raggiungimento del settimo posto. Ma io sono fatto così”.

Cagliari, Giulini silura Zenga: “inizieremo un nuovo progetto”, arriva Di Francesco