Claudio Gentile preoccupato: “presto finirà il ciclo di Chiellini, Bonucci e Acerbi. Poi sarà dura”

Claudio Gentile parla dei difensori del campionato di Serie A ed è un pò preoccupato per i calciatori del futuro, l'intervista

Claudio Gentile è un indimenticabile terzino-stopper della Juve e dell’Italia negli anni 70-80, adesso i tempi sono cambiati anche per quanto riguarda il modo di stare in campo e di difendere e secondo l’ex calciatore potrebbero esserci dei problemi ad individuare calciatori affidabili. Ecco quanto dichiarato a ‘La Gazzetta dello Sport’.

“Mi creda, è più che altro una questione di compiti. Una volta Trapattoni e Bearzot mi dicevano: “Oggi quello è tuo”. Ed era mio. Ero io il responsabile, fosse stato Maradona o un attaccante normale. Oggi i difensori non hanno più il riferimento dell’avversario. Non voglio dire che sia tutto sbagliato, ma questo ha impoverito sicuramente la nostra scuola. E si vede”

“Presto, purtroppo, finirà il ciclo di Chiellini, Bonucci e dello stesso Acerbi. Non possono essere eterni. Poi sarà dura. Bastoni ha piedi buoni, un bel sinistro, tecnicamente è bravo e migliorabile se ha voglia di imparare. Fisicamente, alto com’è, è forte in area. Ha tutto per riuscire. Magari non tutti la pensano così, ma a piace Calabria: è generoso, difende e attacca”. 

I migliori difensori del campionato? “Koulibaly e De Ligt. Sarebbero un’ottima coppia, con caratteristiche complementari. Sa come si dice? ”Fanno difesa”, quello che a volte manca oggi. L’olandese è il futuro, è un po’ il “libero” che imposta, il senegalese è un grande marcatore, anche se l’ultimo anno ha avuto problemi. Ma non mi sorprende che lo vogliano in tanti”.