Mistero in Coppa Italia: una squadra ha diritto a partecipare, ma la Lega non la invita

Il mistero su una partecipante alla prossima Coca Cola Cup, la Coppa Italia che avrà inizio il prossimo 23 settembre: una squadra non invitata

Ha del clamoroso quanto accaduto in Coppa Italia, la competizione che avrà inizio il 23 settembre. Come riporta padovasport, infatti, l’Union Clodiense non è stata invitata a partecipare alla competizione. E quindi, direte voi? Quindi, essendo arrivata seconda nel girone C di Serie D, avrebbe diritto ad entrare tra le 9 squadre della Lnd. Il club veneto è in realtà arrivato terzo nel suo raggruppamento ma, dopo la rinuncia del Campodarsego e il conseguente primo posto del Legnago, è in automatico salita in seconda posizione, avendo così diritto a partecipare alla nuova Coca Cola Cup.

Si tratta molto probabilmente di una svista, come spiegato dal ds dell’Union Clodiense Roberto Tonicello: “Siamo rimasti davvero spiazzati. Ci è stato detto che la Coppa Italia maggiore è rimasta in dubbio fino all’ultimo, solo mercoledì si è deciso di disputarla. La LND doveva segnalare 9 squadre, che solitamente sono le seconde di ogni girone. La mail che la Lega manda a tutti i club partecipanti per l’informativa sui requisiti non l’abbiamo ricevuta, abbiamo guardato ovunque e abbiamo già segnalato la questione. Aspettiamo domani una risposta. Non possiamo essere estromessi dalla competizione per una svista che non è dipesa da noi. Avremmo voluto partecipare alla Coppa Italia, ma non abbiamo ricevuto nessuna comunicazione! Nonostante queste difficoltà noi ci saremmo stati, un po’ per la gloria, un po’ perché passando il turno sarebbero poi entrati in ballo i diritti televisivi e una buona visibilità”.