Roma, Petrachi adesso parla: “Ho tentato di difendere il gruppo, ma ho lottato da solo contro tutti”

L'ex direttore sportivo della Roma Gianluca Petrachi esce finalmente allo scoperto a due mesi dalla telenovela che l'ha visto chiudere il rapporto col club

C’ha messo un po’, ma alla fine ha fornito la sua versione. L’ex ds della Roma Gianluca Petrachi si è affidato all’Ansa per una lettera di chiarimento a due mesi dalla telenovela che l’ha visto chiudere il rapporto con il club capitolino: “Ho tentato di alzare un muro, di mettere uno scudo a difesa del gruppo, mi sono ritrovato solo contro tutti. Sono stato abbandonato da una proprietà troppo distante da Roma, dalla Roma e dai tifosi. Sono stato lasciato solo a combattere”.

“Avevo chiesto a Pallotta di allontanare gli elementi che violavano i segreti dello spogliatoio e del campo o, ancor peggio, che minavano i rapporti interni. Come quando, ad esempio, inventarono addirittura un litigio tra me e Dzeko. Quegli stessi elementi che avrebbero dovuto dimostrare fedeltà alla causa della Roma, rispettando il sacro silenzio dello spogliatoio, e che, invece, hanno preferito rendere pubblico l’esperimento della difesa a tre deciso da Fonseca, oppure l’infortunio di Pellegrini”.