Caso Regeni: Fioramonti, ‘su vendita fregate a Egitto deludente risposta Farnesina’

Roma, 28 ott. (Adnkronos) – “Trovo la risposta del sottosegretario Di Stefano alla mia interrogazione sulle Fregate Fremm insufficiente. Nel giorno in cui la Procura chiude le indagini sul caso dell’omicidio del ricercatore Giulio Regeni, dopo anni di ostilità e reticenza da parte del governo egiziano (non ultima la richiesta di rogatoria completamente disattesa) e dopo mesi di detenzione senza processo per lo studente Patrick Zaki, il ministero degli Affari esteri ha risposto alla mia interrogazione sulla vicenda discutibile della vendita da parte dell’Italia delle fregate militari Fremm all’Egitto. La risposta si limita a valutazioni tecniche piuttosto generiche (e che tutti conoscono), ma non entra nel merito di una decisione politica estremamente problematica: la vendita di dotazioni militari ad uno Stato che non solo viola i diritti umani, ma che si rifiuta di collaborare con il nostro sistema di giustizia per fare luce sulla tortura e l’omicidio di un nostro connazionale”. Lo afferma Lorenzo Fioramonti, ex ministro dell’Istruzione.