Omicidio del calciatore Andrea La Rosa, confermato l’ergastolo per madre e figlio

E' arrivata la sentenza della Corte d'Assise d'Appello di Milano sull'omicidio dell'ex calciatore Andrea La Rosa, confermato l'ergastolo

La Corte d’Assise d’Appello di Milano ha confermato l’ergastolo nei confronti di Raffaele Russo e della madre Antonietta Biancaniello per l’omicidio di Andrea La Rosa, ex calciatore del Brugherio ucciso nel novembre 2017. Le accuse sono state omicidio volontario pluriaggravato, soppressione di cadavere e tentato omicidio della moglie di Rullo. Secondo quanto ricostruito il movente sarebbe stato di tipo economico: Rullo aveva ottenuto da La Rosa un prestito da 30mila euro per poi chiedergliene altri 8, avrebbe ucciso il 35enne proprio per non pagare i debiti. Il calciatore sarebbe stato portato nello scantinato di una palazzina e lì drogato, aggredito con un coltello e rinchiuso in un bidone pieno d’acido. Andrea La Rosa morì intossicato dalle esalazioni dell’acido.