Padre Sorge: L. Orlando, ‘Se compromissioni Dc e mafia sono state denunciate si deve anche a lui’

Palermo, 2 nov. (Adnkronos) – “Padre Sorge ha condiviso un percorso di profondo cambiamento culturale e politico ed etico della città di Palermo, intervenendo nel percorso che già avevamo avviato con padre Pintacuda, portando un contributo anche di attenzione nazionale e internazionale per il suo ruolo in ‘Civiltà cattolica’ e portando avanti un posizione che era di mediazione”. Lo ha detto all’Adnkronos il sindaco di Palermo Leoluca Orlando, ricordando padre Bartolomeo Sorge, il religioso che ispirò la ‘Primavera di Palermo’.
Quella di padre Sorge sua “era una impostazione che ha caratterizzato tutta la sua esperienza, la sua testimonianza culturale e politica – dice Orlando – a Palermo ha fatto un tratto di cammino insieme con quanti pensavamo che fosse giunto il momento di attuare l’articolo della Costituzione che parla di partiti attraverso un profondo cambiamento che consentisse di mettere insieme storie diverse per un progetto politico comune”. “E che quindi si liberasse da condizionamenti ideologici- aggiunge – ma non da quelli valoriali”.
Che fosse per Orlando era “un insieme di valori senza condizionamenti ideologici tradizionali”, “che è quello che cerchiamo di realizzare ancora oggi”. E conclude: “Se oggi posso dire che il mio partito è Palermo questo si deve anche al contributo che ha dato padre Sorge. Se le compromissioni della Dc con la mafia sono state denunciate si deve anche a Padre Sorge”.