La bestemmia di Buffon, le differenze con la squalifica di Cristante: il portiere non è stato sanzionato, il motivo

Si continua a discutere molto sulla bestemmia del portiere Buffon. L'estremo difensore non è stato sanzionato dal giudice sportivo

La bestemmia di Buffon non è stata sanzionata dal giudice sportivo e sul web si sono scatenati i paragoni con il centrocampista della Roma Cristante. Il giallorosso è stato punito, il collega bianconero no e come al solito i tifosi delle altre squadre hanno rimarcato la disparità di trattamento. L’episodio si è verificato in occasione della partita di campionato contro il Parma, netto successo per gli uomini di Andrea Pirlo e partita dell’ex per il portierone. L’estremo difensore è stato protagonista anche di buoni interventi.

I pronostici di Serie A 14ª giornata, i consigli di CalcioWeb: la Juve vince e l’Inter rischia

La bestemmia di Buffon, il motivo della mancata squalifica

Juventus Cagliari
(Photo by Valerio Pennicino/Getty Images)

Buffon avrebbe pronunciato una bestemmia, ma il giudice sportivo non ha sanzionato il numero uno della Juventus. In rete si sta discutendo molto su questa disparità di trattamento. Il portiere si è rivolto così al giovane compagno Portanova: “Porta, mi interessa che ti vedo correre e stare lì (bestemmia) a soffrire eh, il resto non me ne frega un cazzo”. 

Il giudice sportivo non ha ricevuto alcun materiale dalla Procura Federale e per questo motivo la situazione non è stata approfondita. Buffon è stato dunque graziato.