Coronavirus: Conte ‘morbido’ con capigruppo, apre su ricongiungimenti a Natale/Adnkronos (3)

Al tavolo si è anche discusso del problema “della chiusura degli hotel solo in montagna” e comunque -montagna a parte- l’ipotesi di deroga sul divieto agli spostamenti per raggiungere gli alberghi sarebbe stata quella giudicata più controversa nella riunione. Resta confermata l’idea di chiudere lo sci per le festività natalizie: “Non possiamo permetterci vacanze sulla neve, ma mettiamo ristori subito sul piatto”.
Ed ancora, sul comparto commercio, Italia Viva ha chiesto che i ristoranti possano restare aperti il 25 e il 26 dicembre e anche gli outlet, visto che si tratta di centri commerciali all’aperto. Inoltre, Iv avrebbe detto no all’ipotesi di stop per le crociere durante le festività natalizie. Sottolineata dai renziani anche l’esigenza che “a ogni chiusura corrisponda un ristoro adeguato e immediato”.
Mentre per il Pd parla il capigruppo Andrea Marcucci a fine riunione: “Sono soddisfatto del metodo, anche per questi annunciati nuovi provvedimenti, il Governo cerca il confronto con la maggioranza e con le Regioni. Sul tema, ricordo che vanno emanate norme che tengano insieme l’emergenza sanitaria e le libertà individuali, cercando di danneggiare per il minor tempo possibile le attività economiche”.