Un altro dramma per la Chapecoense: è morto il presidente Paulo Ricardo Magro, la causa è il Coronavirus

E' morto il presidente della Chapecoense Paulo Ricardo Magro, in seguito al ricovero per il Coronavirus

Un nuovo gravissimo lutto ha colpito il mondo del calcio e la Chapecoense. La storia del club degli ultimi anni è stata molto sfortunata, già sconvolta dal disastro aereo che provocò la morte di calciatori della squadra brasiliana, in viaggio verso Medellín per disputare la finale della Coppa Sudamericana contro la squadra colombiana dell’Atlético Nacional. Adesso è morto anche il presidente. Il club ha provato a ripartire dopo un evento veramente tragico, questo nuovo lutto ha riportato la Chapecoense nel dramma.

La morte del presidente Paulo Ricardo Magro

LuttoLa Chapecoense piange il presidente Paulo Ricardo Magro, è morto mercoledì a causa del Coronavirus. Aveva 59 anni ed era stato ricoverato nell’Unità di Terapia Intensiva (ICU) dell’ospedale Unimed, a Chapecó già dal 18 dicembre. Come riporta Globo Esporte non è riuscito a superare le complicazioni della malattia.

“Estremamente sgomenti e col cuore preso da tristezza e incredulità, riportiamo la morte del presidente della Chapecoense, Paulo Ricardo Magro, avvenuta mercoledì (30 dicembre). Paulo è stato in gran parte responsabile della ripresa della Chapecoense, sia dentro che fuori dal campo. Con il suo coraggio e saggezza, ha permesso alla squadra di camminare di nuovo su un percorso vittorioso, lastricato di dignità e lavoro, valori così spesso predicati dal nostro caro presidente. Di fronte a una perdita irreparabile, il sentimento è di tristezza, ma soprattutto di gratitudine all’uomo che è entrato nella nostra storia e in essa è divenuto eterno, ricostruendola ancora una volta. In questo momento di profondo dolore, chiediamo ai tifosi di unirsi alle preghiere per la famiglia e gli amici. Che la forza che così spesso hanno dato al nostro club non venga mai meno”.