E’ guerra in famiglia dopo la morte di Maradona: l’accusa di Ana e la caccia all’eredità

Minuto dopo minuto emergono nuovi retroscena sulla morte di Diego Armando Maradona. Inizia la corsa per l'eredità del Pibe de Oro

E’ difficile rassegnarsi alla morte di Diego Armando Maradona. Sono ancora tanti i dubbi sul decesso del calciatore più forte al mondo, la comunicazione ufficiale è stata quella di arresto cardiorespiratorio. Ma non mancano i dubbi, nel dettaglio è stata aperta un’indagine sugli ultimi giorni di vita dell’ex Napoli, nel mirino è finito anche il medico personale. Sono state pubblicate anche le foto della casa, gli ultimi giorni di vita dell’ex Pibe de Oro hanno lasciato incertezza. Maradona viveva in una casa senza i migliori comfort.

L’accusa di Ana Maradona

Maradona
(Photo by Alejandro Pagni – Pool/Getty Images)

Ana Maradona è una delle sorelle maggiori dell’ex calciatore argentino. “Le figlie Dalma e Giannina quando sono venute a trovarlo? Mai, mai”, è quanto dichiarato durante il programma “Los Angeles de la Mañana” su Canale 13. Il rapporto con Diego non è stato mai per interessi: “non accetto speculazioni. Nessuno viveva con i soldi di Diego, nessuno. Era molto generoso, sì, era generoso, a volte ci aiutava, ci dava qualcosa, ma niente di più”. Poi un altro retroscena: “quando andavamo a trovarlo era solo perché volevamo stare con lui. Era stato abbandonato dalle sue figlie. Chiedete alle figlie quando lo hanno visto. Non le abbiamo mai incontrate”.

Guerra in famiglia per l’eredità

E’ partita la ‘guerra’ per l’eredità di Diego Armando Maradona. Secondo As, la stima è di circa 50 milioni di dollari. Tra le sue proprietà ci sono 5 case, quattro automobili, più gioielli. I suoi eredi sono cinque: Dalma, Giannina, Diego Junior, Jana e Diego Fernando, ma ci sono altre 6 persone che rivendicano la paternità. Il giornale spagnolo è sicuro: ci sarebbe una lotta interna per assicurarsi i beni del Pibe de Oro.