**Iran: ex collega Djalali, ‘momenti drammatici, ora non abbassare la pressione’** (2)

(Adnkronos) – “Sono accuse del tutto infondate”, afferma Ragazzoni, secondo cui in questo momento è importante “condividere il più possibile questa notizia per far capire a tutti i ministri europei – italiano, belga, svedese e non solo – che la sua vita è nelle loro mani”. Per il medico, tutta la comunità europea deve mobilitarsi per salvare Djalali.
Ragazzoni evidenzia quindi tutte le iniziative che vengono portate avanti da mesi e che hanno permesso di parlare di Djalali alle Nazioni Unite, a capi di Stato e al presidente del Parlamento, Roberto Fico, incontrato lo scorso giugno insieme a Mehrannia. “Ora – conclude – mi farebbe molto piacere parlare con Di Maio per esporgli il caso”.