Cinema: è morto Rémy Julienne, il re degli stuntman tra Cinecittà e 007

Parigi, 22 gen. – (Adnkronos) – Lo stuntman francese Rémy Julienne, soprannominato ‘il re dei cascatori’, protagonista di impressionanti scene di inseguimenti in oltre 1.400 produzioni cinematografiche, con centinaia di film francesi, decine di poliziotteschi italiani ed anche in sei pellicole di serie di 007, è morto ieri all’età di 90 anni in un ospedale di Montargis, nella Valle della Loira, per le complicazioni del Covid.
Tra i primi film che lo fecero conoscere per le sue mirabolanti imprese figurano “Operazione San Gennaro” di Dino Risi (1966), “Matchless” di Alberto Lattuada (1966) e “Operazione San Pietro” di Lucio Fulci (1967), portandolo a diventare la controfigura principale di “Stuntman” di Marcello Baldi (1968). E’ stato lo stuntman preferito di Yves Montand e Alain Delon e nella saga di James Bond è stato la controfigura di Roger Moore e Sean Connery.
Era nato a Cepoy, nella Valle della Loira, il 17 aprile 1930. Campione nazionale francese di motocross a 27 anni, Julienne debuttò nel mondo del cinema come cascatore nel film “Fantomas 70” del 1964, doppiando le scene acrobatiche al posto di Jean Marais. Fu l’inizio di una strepitosa carriera da stuntman in centinaia di film in tutto il mondo, dividendosi tra Hollywood, la Francia e Cinecittà.