Cristiano Ronaldo può lasciare la Juventus: tutte le squadre pronte a fare follie per il portoghese

Il futuro di Cristiano Ronaldo è lontano dalla Juventus. Il portoghese potrebbe salutare l'Italia già al termine della stagione

Il futuro di Cristiano Ronaldo è ancora tutto da decidere. Il portoghese è finito sul banco degli imputati dopo le brutte prestazioni in Champions League, l’attaccante non è riuscito a trascinare la Juventus contro una squadra nettamente inferiore dal punto di vista tecnico. Sono in corso valutazioni in vista della prossima stagione, CR7 è stato acquistato per vincere la Champions League e l’obiettivo è ancora una volta fallito, nelle scorse stagioni aveva garantito almeno la vittoria dello scudetto mentre quest’anno il distacco dal primo posto è molto ampio. La condizione economica del club bianconero non è delle migliori e la crisi iniziata dalla pandemia da Coronavirus ha peggiorato la situazione.

La rivelazione: “Cristiano Ronaldo ha chiamato Mendes, vuole mandare a quel paese la Juventus”

Le squadre su Cristiano Ronaldo

Cristiano Ronaldo
Foto di Alessandro Di Marco / Ansa

La Juventus non può più permettersi Cristiano Ronaldo. Il portoghese ha un ingaggio pesantissimo per le casse del club bianconero e non è da escludere la cessione in anticipo rispetto alla scadenza naturale del contratto prevista nel 2022. Cr7 è ancora un calciatore di primissimo livello e ovviamente non mancano le richieste sul mercato, sono tante le squadre pronte a fare follie per assicurarsi le prestazioni del calciatore. La Juventus dovrà accontentarsi di una cifra relativamente bassa, mentre l’ostacolo più importante per i club è rappresentato dallo stipendio del portoghese. E’ pronto un nuovo assalto di Psg e Manchester United che pensano ad un ritorno di fiamma anche per una questione extra-calcistica: il nome di Cristiano Ronaldo stuzzica sempre la fantasia di possibili nuovi sponsor. Le altre soluzioni sono Stati Uniti, Qatar o Dubai.

La Juventus adesso prepara la rivoluzione: i calciatori del futuro e quelli con la valigia in mano