Italia, può iniziare un ciclo vincente: i meriti di Mancini, i calciatori decisivi e le ambizioni

L'Italia può pensare veramente in grande. Mancini ha dimostrato di essere un ottimo allenatore, obiettivi importanti per Europei e Mondiali

L’Italia continua a vincere ed il rendimento con Roberto Mancini in panchina è stato veramente avvincente. Il Ct è arrivato tra lo scetticismo generale, ma è riuscito a convincere tutti grazie ad un ottimo gioco, ma soprattutto con i risultati. E’ da poco iniziata anche l’avventura alle qualificazioni ai prossimi Mondiali in Qatar del 2022, la Nazionale italiana ha conquistato due vittorie consecutive. Un doppio 2-0, il primo contro l’Irlanda del Nord grazie alle reti messe a segno da Domenico Berardi e Ciro Immobile, la seconda sul campo della Bulgaria con i gol di Belotti su calcio di rigore e Locatelli. La squadra adesso è impegnata a preparare la sfida di mercoledì contro la Lituania.

I meriti di Mancini

Roberto Mancini
Foto di Adam Warzawa / Ansa

Il Ct Roberto Mancini ha dimostrato di essere un grandissimo allenatore. E’ riuscito a riportare un minimo di entusiasmo dopo la mancata qualificazione al Mondiale del 2018. Mancini ha confermato di essere un allenatore preparato, ma soprattutto un tecnico in grado di portare motivazioni. La squadra gioca anche bene e sono stati valorizzati giovani calciatori, il Ct ha dato fiducia a giocatori come Barella e Locatelli che si candidano ad essere grandi protagonista ancora per tanti anni. Poi è riuscito a mantenere un profilo basso, ma la squadra non può più nascondersi.

I calciatori decisivi e le ambizioni

Mancini
Foto di Elisabetta Baracchi / Ansa

L’Italia non deve assolutamente nascondersi, è sicuramente in grado di essere tra le principali protagoniste ai prossimi Europei e Mondiali. Gli azzurri hanno dimostrato di essere solidi in difesa e con tante qualità in difesa e centrocampo. Nelle ultime due partite il punto di riferimento in difesa è stato Bonucci, in coppia si sono alternati prima Chiellini e poi Acerbi. Sono tantissime anche le alternative sulla fascia con Florenzi, Emerson e Spinazzola che hanno giocato molto bene. A centrocampo Mancini può contare su tantissima qualità: da Barella a Sensi, da Verratti a Locatelli. In attacco Immobile può alternarsi con Belotti. L’uomo in più è però Insigne che si conferma sempre come il migliore in campo, molto bene anche Berardi e Chiesa. Insomma una squadra piena di qualità e che deve puntare al massimo obiettivo.