Pirlo a rischio esonero, si gioca la panchina contro il Napoli: la Juventus ‘vede’ Allegri, le ipotesi per presente e futuro

E' una situazione sempre più delicata per Andrea Pirlo, l'allenatore bianconero rischia l'esonero e si giocherà tutto contro il Napoli

L’ultima spiaggia. Andrea Pirlo è a serio rischio esonero e si giocherà tutto nel recupero del campionato di Serie A contro il Napoli. L’allenatore bianconero non può permettersi un passo falso, il serio rischio è quello di mancare la qualificazione in Champions League e sarebbe un danno incredibile dal punto di vista economico. La stagione della Juventus non è stata di certo entusiasmante, ma soprattutto le ultime due partite sono state ‘drammatiche’. Prima la debacle casalinga contro il Benevento, poi il pareggio nel derby contro il Torino, i bianconeri hanno raccolto solo un punto contro due squadre nettamente inferiori dal punto di vista tecnico ed in lotta per la salvezza. Senza dimenticare i punti persi con squadre come Crotone o Verona.

Tensione prima di Torino-Juventus: striscione durissimo dei tifosi bianconeri contro la squadra [FOTO]

La posizione di Pirlo

Pirlo
Foto di Alessandro Di Marco / Ansa

Andrea Pirlo è sempre più a rischio esonero, si giocherà tutto nel recupero contro il Napoli. I bianconeri al momento occupano la quarta posizione in classifica, ma hanno gli stessi punti del Napoli e devono recuperare due punti all’Atalanta. In caso di ko contro gli azzurri l’esonero sarebbe inevitabile. Sono tante le soluzioni al vaglio della dirigenza bianconera, secondo voci che stanno circolando nelle ultime ore Allegri ed Agnelli avrebbero visto la partita insieme. L’idea del livornese è quella di partire da inizio campionato e non a stagione in corso, potrebbe cambiare idea solo per la Juventus. L’altra ipotesi come traghettatore porta il nome di Tudor. Più interessanti le soluzioni per la prossima stagione, il sogno è Zinedine Zidane del Real Madrid, piace tantissimo anche Simone Inzaghi della Lazio.

Juventus, la crisi è sempre più evidente: chiesto il rinvio di quattro stipendi