Roma, Fonseca si è giocato la panchina: la follia dell’allenatore in semifinale contro il Manchester United

L'allenatore Fonseca è finito sul banco degli imputati, nel mirino l'atteggiamento della Roma in semifinale di Europa League contro il Manchester United

Il sogno della Roma è praticamente finito. La stagione del club giallorosso è sempre più vicina a diventare ‘drammatica’, in campionato non riuscirà a conquistare la qualificazione in Champions League mentre in Europa League sarà costretta a fermarsi in semifinale (con ogni probabilità). Il risultato dell’andata lascia pochi dubbi sulla squadra che si qualificherà in finale, il Manchester United. L’inizio di gara aveva illuso i tifosi giallorossi: dopo il gol di Bruno Fernandes, la squadra di Fonseca era riuscita a ribaltare tutto con il rigore trasformato da Pellegrini ed il gol di Dzeko. Poi gli inglesi hanno dilagato con la doppietta di Cavani, il penalty ancora di Bruno Fernandes ed i gol di Pogba e Greenwood. Il 6-2 non è ribaltabile, soprattutto per questa Roma.

Le colpe di Fonseca ed il futuro

Manchester United Roma
Foto di Peter Powell / Ansa

Fonseca si è giocato le ultime chance di conferma per la prossima stagione con un atteggiamento troppo presuntuoso. Il portoghese ha portato in Italia un calcio innovativo, ma nei momenti chiave ha commesso gravissimi errori. La Roma è stata sfortunata, i tre infortuni in 37 minuti hanno sicuramente condizionato il rendimento della squadra, ma sul banco degli imputati è comunque finito l’allenatore. Sul risultato di 1-2 la Roma ha continuato a giocare con troppa presunzione, sarebbe servito un atteggiamento sicuramente più prudente. Invece la squadra ha continuato a giocare in attacco alla ricerca del terzo, quarto e quinto gol, il problema è che la difesa non è pronta per livelli così alti ed in pochi minuti lo United ha messo a segno quattro gol. Al tecnico Fonseca è mancata la mentalità ‘italiana’, quella che in campo europeo ha regalato tantissime soddisfazioni ai club di Serie A. Un altro allenatore portoghese, Mourinho, era stato in grado di adattarsi all’Inter e la vittoria del Triplete non è stata casuale: il chiaro riferimento è alla semifinale di ritorno di Champions League contro il Barcellona, nel momento di maggiore difficoltà la squadra nerazzurra aveva pensato principalmente a non prenderle, si è chiusa in difesa e ha portato a casa il risultato con il minimo sforzo. La Roma invece non è stata in grado di adattarsi al gioco e alla forza di un avversario come il Manchester United e Fonseca è il principale responsabile. Al termine della stagione sarà rivoluzione, con Sarri pronto a prendere il posto del portoghese.

Manchester United-Roma 6-2, le pagelle di CalcioWeb: secondo tempo disastroso, la finale è compromessa