Serie C, quattro calciatori accusati di stupro. La difesa: “rapporti assolutamente consenzienti”

Quattro calciatori del campionato di Serie C sono stati accusati di violenza sessuale. La versione della ragazza e dei giocatori

Una bruttissima storia che riguarda il campionato di Serie C. Quattro calciatori professionistici, all’epoca tesserati per la Virtus Verona sono stati accusati di stupro e un compagno di squadra nei guai per aver filmato i fatti. Sono stati rinviati a giudizio dal pm Elisabetta Labate: l’inchiesta è partita dopo la denuncia di una ragazza in seguito ad una serata passata tra il 18 e il 19 gennaio 2020.

Secondo quanto riportato dalla ragazza, dopo aver bevuto birre e gin lemon, i calciatori l’avrebbero costretta ad avere rapporti sessuali non consenzienti. “Non mi sentivo bene, quando ho realizzato cosa stesse succedendo ho chiesto loro di fermarsi, non riuscivo ad opporre resistenza”. Come riporta il ‘Corriere del Veneto’ la versione dei ragazzi sarebbe quella di “rapporti sessuali assolutamente consenzienti”. 

Immediata la reazione anche del presidente Ghirelli: “La vicenda mi turba come dirigente sportivo e come uomo di famiglia. La giustizia deve fare il suo corso chiaramente ma mai avrei voluto apprendere una notizia del genere. Penso al turbamento e all’angoscia che stanno provando la giovane donna, i calciatori, i loro amici, la loro rete sociale, la Virtus e il suo presidente”.