Milan ispirato, ecco Musah: le cifre dell’accordo e il ruolo nell’11 titolare

Il Milan trova l'accordo con il Valencia per Yunus Musah: ecco le cifre e il ruolo in cui verrà impiegato da Pioli

CalcioWeb

Erano ‘troppi’ i giorni in cui il Milan non piazzava un colpo di mercato. Ironia a parte, i rossoneri si confermano una delle poche squadre attive in Italia e continuano a muoversi con grande autorevolezza. Il duo Moncada-Furlani ha chiuso un’altra trattativa, lavorando ai fianchi il Valencia per il cartellino di Yunus Musah.

Il club spagnolo ha resistito per qualche settimana, poi a fronte di un’offerta da 20 milioni più 1 di bonus e della volontà del calciatore di vestire di rossonero, ha ceduto.

Il ruolo in campo

Il Milan ha rivoluzionato il proprio centrocampo e fra i tifosi sono sorti diversi dubbi: quale sarà il modulo con cui giocheranno i rossoneri? Chi saranno i titolari? E soprattutto, Musah come verrà impiegato da Stefano Pioli? Proviamo a rispondere. Innanzitutto, il Milan, complice la folta presenza di centrocampisti, molti dei quali comprati per ricoprire il ruolo di mezzala, giocherà con un 4-3-3, modulo utilizzato nelle prime uscite. Il 4-2-3-1 non è accantonato, è un’alternativa dall’indole più offensiva.

Per quanto riguarda i titolari, Loftus-Cheek e Rejinders sono sicuri del posto: il primo sarà la mezzala fisica, utile per recuperare palloni e ripartire con qualche strappo in stile Kessiè; il secondo è la mezzala di qualità, ma potrebbe essere dirottato nel ruolo di regista fin quando non tornerà Bennacer; il reparto sarà completato da Krunic nel ruolo di regista, o dallo stesso Musah.

Veniamo dunque al terzo quesito, il ruolo del giovane americano. Musah non è un centrocampista difensivo, seppur dotato di ottime qualità atletiche. Difficilmente potrà sostituire la fisicità di Loftus-Cheek essendo alto solo 177 cm, ma grazie alla sua velocità e alla propensione all’inserimento regala una carta particolare da sfruttare tanto da titolare quanto a partita in corso nel ruolo di mezzala. Starà a Pioli trasformarlo definitivamente in un centrocampista box to box o inquadrarlo tatticamente con un’attenzione maggiore alla fase di non possesso.

Condividi