Perchè Belgio-Svezia è stata interrotta? Paura attentati allo stadio: le ultime notizie

Interrotta e rinviata la gara Belgio-Svezia: attentato nel pre-partita, paura allo stadio. A mezzanotte evacuati i 35.000 tifosi presenti

CalcioWeb

Notte di terrore a Bruxelles prima della partita fra Belgio e Svezia. Un uomo, armato di kalashnikov ha aperto il fuoco nel centro città, nei pressi di Place Saincteletteplein, tra Boulevard d’Ypres e Boulevard du Ninième de ligne, intorno alle 19.15. L’attentatore ha ucciso a sangue freddo due persone, due tifosi svedesi, ma ci potrebbe essere anche una terza vittima oltre a diversi feriti. Successivamente si è dato alla fuga in scooter, dirigendosi verso lo stadio, ed è ancora ricercato.

Interrotta e rinviata Belgio-Svezia

La notizia si è diffusa durante Belgio-Svezia, partita valevole per le qualificazioni a Euro2024, interrotta all’intervallo. I calciatori hanno scoperto l’accaduto solo a fine primo tempo e la Federazione svedese ha chiesto di non rientrare in campo. UEFA e autorità locali, in continuo contatto, hanno richiesto al pubblico di stare dentro lo stadio e stanno valutando come far uscire in sicurezza i tifosi. La partita è stata rinviata ufficialmente. L’arbitro Mariani e la terna arbitrale italiana, così come i calciatori delle due squadre, sono rimasti nella pancia dello stadio. Intorno alla mezzanotte l’evacuazione in sicurezza.

Chi è l’attentatore?

Sono un Mujahid dello Stato Islamico, che vi piaccia o no. Viviamo per la nostra religione e moriamo per questa stessa religione. Ho ucciso tre svedesi proprio adesso“. Queste le parole rilasciate dall’attentatore durante un video di rivendicazione pubblicato sui social.

Il sospetto attentatore è nato nel 1978 ed è stato identificato come Abdesalem L. E’ quanto ha detto il portavoce e della Procura federale belga alla tv nazionale. Secondo il quotidiano La Libre, il sospetto è un tunisino richiedente asilo dal 2019. Quest’ultima notizia non è stata confermata ufficialmente dalle autorità.

Condividi