Vietati i fischietti anti-Lukaku, gli ultras dell’Inter protestano: “amputate le dita” | FOTO

Vietati i fischietti che i tifosi dell'Inter volevano usare contro Lukaku: la Curva Nord protesta attraverso i social

  • Vietati fischietti contro Lukaku
  • Vietati fischietti contro Lukaku
  • Vietati fischietti contro Lukaku
/
CalcioWeb

I tifosi dell’Inter si erano preparati con largo anticipo alla partita di domenica contro la Roma. Un big match, sicuramente, ma la reale motivazione dietro il grande hype intorno alla gara riguarda la presenza di un calciatore in particolare: Romelu Lukaku.

Il comportamento del bomber belga, che in estate ha ‘tradito’ la fiducia dei tifosi e dell’Inter, ha trattato (attraverso il procuratore) con Milan e Juventus, ha smesso di rispondere a compagni e dirigenti, salvo poi provare a riallacciare i rapporti, ha profondamente deluso l’ambiente. E i tifosi se la sono legata al dito.

In vista del suo ritorno a San Siro da avversario, la Curva Nord aveva preparato 30.000 fischietti per dare un ‘bentornato’ sonoro, alquanto fastidioso, all’attaccante della Roma. Ma questo non succederà. I fischietti sono stati vietati.

La protesta dei tifosi dell’Inter

Diecimila a Firenze due anni fa andavano bene, ora no. La legge non è uguale per tutti…“, si legge in una storia del profilo Instagram della Curva Nord interista che condanna come “ennesimo abuso” la decisione. E ancora: “vietato fischiare a San Siro, possibile amputazione della dita a tutti i partecipanti. A tutti i possessori di biglietto saranno amputate le dita prima del match“.

Un messaggio figurato e forte quello degli ultras nerazzurri che hanno citato l’episodio accaduto al Franchi di Firenze nel 2022: durante Fiorentina-Juventus, gli ultras toscani fischiarono con 10.000 fischietti Dusan Vlahovic, passato ai bianconeri nella sessione di mercato di gennaio. Lo stesso non potranno fare i tifosi dell’Inter con Lukaku.

Condividi