“Mi ha preso dal collo e…”: Tevez e il retroscena sul primo incontro con Buffon

Carlos Tevez racconta un retroscena sul primo incontro con Gigi Buffon alla Juventus: un faccia a faccia davvero particolare

CalcioWeb

In una recente intervista rilasciata ad “Animales Sueltos”, Carlos Tevez è tornato a parlare del suo trasferimento alla Juventus. Il bomber argentino, bianconero dal 2013 al 2015, ha raccontato un particolare retroscena riguardante il primo approccio con la nuova realtà italiana, in particolare con uno spogliatoio ricco di campioni e calciatori carismatici.

Carlos Tevez e il primo faccia a faccia con Buffon

Singolare il primo approccio con capitan Buffon e il suo modo di ‘caricare’ i compagni. “Il primo allenamento si passa dal City a un club come la Juve con Pirlo, Chiellini, Buffon. Aveva Conte, capisci? Tutte queste persone molto forti che ammiro davvero. – spiega Tevez soffermandosi sulle differenze fra un Manchester City in piena costruzione, lontano dai fasti attuali, e una Juventus forte affermata – Così vado al primo allenamento, Conte mi presenta, dice che dare il benvenuto a Carlitos. Inizia un discorso e tutti applaudono. Io ammiravo Buffon, molto alto, occhi verdi, ti sconvolge… aveva una presenza impressionante, da capitano, che mi ha colpito. Abbiamo iniziato, lui viene e mi abbraccia, mi afferra il collo, mi prende, mi mette faccia e faccia e dice: ‘andiamo eh. qualunque sia il campionato dobbiamo dare il massimo’“.

Condividi