Milan, l’oro in panchina: 1-3 al Verona, anche l’attacco di riserva funziona. E se subissi meno gol…

Il Milan batte 1-3 il Verona con un ottimo apporto anche delle riserve Okafor e Chukwueze: l'attacco funziona, ma dietro sono 33 i gol subiti

CalcioWeb

Il Milan batte 1-3 il Verona, raccoglie la terza vittoria consecutiva in campionato, la quinta se aggiungiamo il doppio impegno europeo, si mette alle spalle un tour de force sportivo di non poco conto e blinda il secondo posto in classifica a +3 sulla Juventus fermata 0-0 dal Genoa ne “La cumbia della noia” di Allegri. Decisamente più divertente la partita dei rossoneri, votata all’attacco, con tante occasioni da ambo le parti. Ma il Milan è così, forse un po’ sbilanciato, ma davanti funziona.

E quindi “prendere o lasciare”, Pioli prende. E prende anche i 3 punti salendo a quota 62. Sono 55 i gol dei rossoneri, secondo miglior attacco della Serie A in attesa della Roma ferma a 54 ma con una gara ancora da giocare in questo turno. Attacco che funziona anche con le riserve. Riposa Giroud, dentro Okafor prima punta, scelta quasi inedita per Pioli: lo svizzero sfiora il gol con una girata clamorosa parata da Montipò nel primo tempo, prima che Theo Hernandez sblocchi la gara alla sua maniera.

Nella ripresa l’ex Salisburgo ruba palla, entra in area e tira a botta sicura, ma trova, ancora un ottimo Montipò che però non può nulla sul tap-in di Pulisic. Entrato nel finale, dopo il gol di Noslin che ha accorciato le distanze, Samuel Chukwueze ha chiuso i conti con un gran sinistro al volo.

La difesa del Milan: 33 gol in 29 partite, in troppe fanno meglio

La nota negativa? Oltre alla gara di Leao, devastante in accelerazione e sprecone sotto porta, tanto in finalizzazione quanto nelle scelte, la solita difesa ballerina. Troppe le occasioni concesse al Verona sulle quali Maignan si è dovuto impegnare facendosi anche male in spaccata. Sono 33 i gol subiti in 29 partite, 20 in più dell’Inter, 10 in più della Juventus, 7 in più del Bologna, per citare le prime 4, ma anche 7 in più del Torino, le stelle della Lazio, formazioni di centro classifica. Chissà se il Milan subisse di meno a quali obiettivi potrebbe puntare…

Classifica Serie A

  1. Inter 75
  2. Milan 62
  3. Juventus 59
  4. Bologna 54
  5. Roma 48
  6. Atalanta 47
  7. Napoli 44
  8. Fiorentina 43
  9. Lazio 43
  10. Monza 42
  11. Torino 41
  12. Genoa 34
  13. Lecce 28
  14. Udinese 27
  15. Verona 26
  16. Cagliari 26
  17. Empoli 25
  18. Frosinone 24
  19. Sassuolo 23
  20. Salernitana 14
Condividi