Calciomercato Juventus, Thiago Motta perde i pezzi: un top verso l’Arabia Saudita

Novità in uscita nel calciomercato della Juventus, un titolarissimo verso l'Arabia Saudita: già bloccato il sostituto

CalcioWeb

Neanche il tempo di arrivare sulla panchina della Juventus che Thiago Motta potrebbe già perdere un tassello importante del suo 11 titolare. In attesa della firma dell’ormai ex tecnico del Bologna, il calciomercato della Juventus non si ferma, tanto in entrata quanto in uscita. Ecco dunque che anche un titolare come Szczesny, uno dei migliori portieri della Serie A, potrebbe fare le valigie con destinazione Arabia Saudita.

Le cessioni della Juventus: serve un tesoretto da investire

Il calciomercato estivo della Juventus sarà molto frizzante. I bianconeri non vogliono più accontentarsi di un piazzamento Champions mentre tutte le altre rivali festeggiano lo Scudetto a fine anno. E per riuscirci dovranno rinforzarsi. Serve un tesoretto importante da spendere sul mercato e potrebbero arrivare diverse cessioni.

Su Szczesny è forte l’interesse degli arabi dell’Al-Nassr, squadra in cui milita Cristiano Ronaldo, ex compagno del portiere polacco alla Juventus dal 2018 al 2021. Proposto un biennale a cifre importanti mentre alla Juventus andrebbe un indennizzo per il cartellino inferiore alla doppia cifra. Occhio anche alle possibili uscite di Chiesa e Soulè finiti nel mirino di una big italiana.

Juventus, Di Gregorio sarà subito titolare?

Il primo colpo del calciomercato della Juventus sarà Michele Di Gregorio. Il portiere del Monza è stato l’obiettivo numero di Giuntoli che ha battuto la concorrenza muovendosi con largo anticipo. L’idea sarebbe stata quella di inserire il portiere italiano gradualmente, facendolo partire come riserva di Szczesny fino alla transizione definitiva verso il grado di titolare.

L’offerta dell’Al-Nassr per Szczesny e la possibilità di monetizzarne l’addio però potrebbe cambiare i piani dei bianconeri che, a quel punto, offrirebbero fin da subito la difesa dei pali della Juventus a Di Gregorio senza alcun periodo di ‘rodaggio’.

Condividi