Atalanta-Inter 0-2, le pagelle di CalcioWeb: Gomez l’uomo senza sonno, Young vecchietto arzillo [FOTO]

Si è appena conclusa Atalanta-Inter, gara valevole per la trentottesima giornata di Serie A. Le pagelle stilate dalla redazione di CalcioWeb

  • Photo by Emilio Andreoli/Getty Images
    Photo by Emilio Andreoli/Getty Images
  • Photo by Emilio Andreoli/Getty Images
    Photo by Emilio Andreoli/Getty Images
  • Photo by Emilio Andreoli/Getty Images
    Photo by Emilio Andreoli/Getty Images
  • Photo by Emilio Andreoli/Getty Images
    Photo by Emilio Andreoli/Getty Images
  • Photo by Emilio Andreoli/Getty Images
    Photo by Emilio Andreoli/Getty Images
/

Atalanta-Inter, le pagelle – L’Inter sbanca Bergamo e guadagna il secondo posto in classifica. Atalanta KO e terza. Ad aprire le marcature è un colpo di testa di D’Ambrosio su un’incomprensione clamorosa Gollini-Gosens. Il raddoppio porta la firma di Ashley Young con un bellissimo destro a giro dalla distanza. La Dea punge poco e non riesce a segnare, dopo una serie infinita di partite con gol (non accadeva da Novembre). In alto la FOTOGALLERY.

Atalanta-Inter, le pagelle di CalcioWeb

ATALANTA (3-4-2-1)
Gollini 5
– Una stagione pressoché perfetta per il portiere dell’Atalanta, male nella serata finale di campionato. Esce a farfalle sul gol di D’Ambrosio e si scontra con Gosens, costretto ad abbandonare il campo per infortunio: IN LIBERA USCITA (5′ Sportiello 6)
Toloi 6 – Dietro è il meno peggio, limita i danni: SALVA CAPRA E CAVOLI.
Caldara 5 – Se uno va in difficoltà con Torregrossa, di certo non può marcare Lukaku: DI MALE IN PEGGIO.
Djimsiti 5.5 – Qualche uscita approssimativa nella tempistica, qualche intervento intimidatorio: PALLA O PIEDE.
Castagne 6 – Non è certo lui che può togliere le castagne dal fuoco, ma visto il cognome ci si aspettava di più: TIMIDO.
de Roon 6 – Si sbatte, difende la palla con ogni parte del suo corpo, ma quando deve impostare si vedono i suoi limiti: OPERAIO SPECIALIZZATO (61′ Hateboer 6)
Freuler 5.5 – Non una delle migliori partite stagionali dello svizzero. Prova a fare lavoro di raccordo, ma non sempre è preciso: BOSCAIOLO (61′ Malinovskyi 6.5)
Gosens 5.5 – Da qualche partita sembra in debito d’ossigeno. Oggi, addirittura, collabora al gol…sì, ma dell’Inter: LUNA CALANTE.
Gomez 5.5 – Cosa vogliamo chiedergli di più dopo una super stagione? Anche lui vorrebbe riposare e infatti arriva all’appuntamento sfinito: L’UOMO SENZA SONNO.
Pasalic 5 – Dopo prestazioni superlative, oggi delude. E’ il meno in palla ed è piantato in mezzo al campo: QUERCIA (61′ Muriel 6)
Zapata 6.5 – Lui, la prestazione la tira fuori sempre. Partita difficile, ma si batte e ci prova, manca la stoccata nel finale: SFINITO ALLA META.

INTER (3-5-2)
Handanovic 6
– Affrontava il miglior attacco del campionato, si aspettava un tiro al bersaglio e invece…vive una serata abbastanza tranquilla: PERICOLO SCAMPATO.
Godin 6 – Guida la difesa da veterano, qualche randellata non manca mai: GARRA.
de Vrij 6.5 – Forza fisica e determinazione.  Potremmo sintetizzare così la sua ottima partita: MURO.
Bastoni 7 – Tornava da ex, si fa rimpiangere. E’ preciso e puntuale negli interventi: LA VENDETTA E’ UN PIATTO CHE VA SERVITO FREDDO (77′ Biraghi 6)
D’Ambrosio 7 – Ogni anno sembra destinato a fare da riserva o addirittura a lasciare. Poi, nei momenti decisivi, c’è sempre: AL POSTO GIUSTO, AL MOMENTO GIUSTO (77′ Skriniar 6)
Barella 6.5 – Regia illuminata, il clima battagliero lo galvanizza: BRAVEHEART (90′ Eriksen sv)
Brozovic 6.5 – Fuori dal campo qualche bicchiere di troppo, qualche litigio e un comportamento non proprio esemplare. In campo dà l’esempio ai compagni: GENIO E SREGOLATEZZA.
Gagliardini 6 – Anche lui era un ex. Non demerita, ma non si esalta: SUFFICIENTE.
Young 7.5 – Stasera gli vengono in mette i vecchi tempi, quando giocava da ala pura. Il gol è qualcosa di incredibile: VECCHIETTO ARZILLO (90′ Moses sv)
Lautaro 6 – Più macchinoso del solito, non colpisce sotto porta come sa fare: A SECCO (71′ Sanchez 6)
Lukaku 6.5 – Anche lui, per una volta, rimane a secco. Ma rispetto al compagno di reparto è sempre convincente: BOMBER…DI PESO.