Atalanta-Lazio 3-2, le pagelle di CalcioWeb: Strakosha a farfalle, Gomez fa l’elettricista [FOTO]

Si è conclusa Atalanta-Lazio, gara valevole per la ventisettesima giornata della Serie A 2019/2020. Le pagelle stilate dalla redazione di CalcioWeb

  • Photo by Claudio Villa/Getty Images
    Photo by Claudio Villa/Getty Images
  • Photo by Claudio Villa/Getty Images
    Photo by Claudio Villa/Getty Images
  • Photo by Marco Rosi - SS Lazio/Getty Images
    Photo by Marco Rosi - SS Lazio/Getty Images
  • Photo by Claudio Villa/Getty Images
    Photo by Claudio Villa/Getty Images
  • Photo by Marco Rosi - SS Lazio/Getty Images
    Photo by Marco Rosi - SS Lazio/Getty Images
  • Photo By Marco Rosi - SS Lazio/Getty Images
    Photo By Marco Rosi - SS Lazio/Getty Images
/

Atalanta-Lazio, le pagelle – L’Atalanta rimonta la Lazio e vince 3-2 al ‘Gewiss Stadium’. Biancocelesti avanti di due reti dopo dieci minuti, con l’autogol di de Roon e la sassata di Milinkovic-Savic. Gosens di testa riapre i giochi. Nella ripresa il sinistro splendido di Malinovskyi e il colpo di testa di Palomino consegnano i tre punti alla squadra di Gasperini. La Lazio cade dopo 21 risultati utili consecutive e scende a -4 dalla Juve. In alto la FOTOGALLERY del match.

Atalanta-Lazio, le pagelle

Atalanta:
Gollini 6 –
Il povero portiere dell’Atalanta viene prima tradito dal fuoco amico, poi infilato da un capolavoro di Milinkovic-Savic: IMPOTENTE.
Toloi 6 – E’ il tipico difensore brasiliano, ogni tanto si distrae ma forse è un fatto genetico: DISATTENTO.
Palomino 6.5 – Immobile lo scherza un paio di volte, buon per lui che la mira del bomber della Lazio sia stranamente impreciso. Trova la rete del 3-2: SUL SECONDO PALO(MINO).
Djimsiti 6.5 – E’ il migliore del terzetto difensivo, quando c’è da soffrire. Ad inizio ripresa va anche vicino al gol (ma forse sarebbe stato troppo): ONESTO MESTIERANTE.
Hateboer 6 – Non brillante come al solito, riesce comunque a mettere in difficoltà Radu con qualche sporadica incursione: SPINA NEL FIANCO.
de Roon 5 – Non tantissimi gol in carriera (18), giusto qualche rigore e un paio di conclusioni dalla distanza. Ma stasera decide che è giunto il suo momento di gloria, peccato che sbagli porta (però l’autogol lo fa bello bello): GAGLIARDINI GUARDA E IMPARA.
Freuler 6 – Non brilla nemmeno l’altro centrale di centrocampo di Gasperini, al contrario del compagno però evita di infilare la propria porta ed è già un passo avanti: LIMITA I DANNI.
Gosens 7 – Svetta in cielo sul primo gol, prova il bis nella ripresa ma ci va solo vicino: CONDOR (69′ Castagne 6)
Malinovskyi 7 – Come Milinkovic-Savic. Gol da antologia, sinistro esplosivo: DINAMITE (77′ Ilicic 6)
Papu Gomez 7.5E’ sempre lui ad accendere la luce. Dai suoi piedi parte la riscossa bergamasca. Si sacrifica anche, fino alla sfinimento. Potrebbe fare l’elettricista ma il calciatore gli riesce meglio: ILLUMINANTE.
Duvan Zapata 5.5 – Viene praticamente cancellato da Acerbi, l’unica occasione pulita che gli capita la spreca. Il fisico e la voglia, però ce li mette sempre: LOTTATORE (70′ Muriel 6)

Lazio:
Strakosha 4.5
Non una grande serata per il portiere. Albanese di origine, si ispira ad Antonio (nel senso che prova a far ridere). Pronti via prova a regalare un gol a Zapata, poi qualche difetto di presa, completa con un’uscita da far rivedere nelle scuole calcio per insegnare ai giovani portieri come non si fa: LICENZA DI CACCIA…ALLE FARFALLE.
Patric 5 –
Adattato a terzo centrale, se la cava discretamente per 45′. Quando c’è un buco viene chiamato in causa, anche se l’altezza non è dalla sua parte: TAPPO IN TUTTI I SENSI.
Acerbi 6.5 –
Cancella quasi in toto lo spauracchio Duvan Zapata. Prestazione di alto livello, anche se soffre nel finale come tutta la squadra. Potrebbe aprire una scuola: MAESTRO DELLA DIFESA.
Radu 5.5 –
Non sempre tampona bene le incursioni di Hateboer, che qualche volta lo fanno sanguinare: ASSORBENTE SENZA ALI (77′ Bastos 6)
Lazzari 6.5 –
Sembra che i tre mesi di lockdown gli hanno fatto addirittura bene. Riprende da dove aveva finito, cioè correndo. La Lazio ha scelto il nuovo sponsor di manica proprio in suo onore: FRECCIAROSSA, ANZI BIANCOCELESTE.
Milinkovic-Savic 6.5 –
Gol che merita solo applausi, crolla nel finale. Usa indifferentemente il destro e il sinistro, un po’ come Checco Zalone durante i periodi di lavoro intenso nell’ufficio caccia e pesca: AMBIDESTRO.
Cataldi 6 –
L’assenza di Lucas Leiva era pesantissima, ma il centrocampista cresciuto nel settore giovanile si fa sempre trovare pronto: AL POSTO GIUSTO AL MOMENTO GIUSTO (60′ Parolo 5.5)
Luis Alberto 5.5 –
Non la miglior versione dello spagnolo, soffre la vivacità del centrocampo avversario: IMBRIGLIATO (77′ Anderson 6)
Jony 5 –
L’assenza di Lulic è forse più pesante di quella di Leiva, soprattutto perchè i ricambi non sembrano all’altezza. Jony è un comprimario e anche oggi lo dimostra. Non si è ancora adattato al calcio italiano: BRADIPO (76′ Lukaku 5.5)
Correa 6.5 –
Ottima la prova dell’argentino, anche se a volte servirebbe un pallone per lui e uno per tutti gli altri. Di condividerlo non ne vuole proprio sapere: SANO EGOISMO (55′ Caicedo 5)
Immobile 5 –
Preparazione ottima, conclusione meno. Potremmo sintetizzare così la sua partita. Due palle gol, entrambe sprecate. Oggi non timbra il cartellino, ispirandosi ai lavoratori “furbetti”: ASSENTEISTA.

Atalanta-Lazio è uno spot per il mondo del pallone: finisce 3-2, ma oggi vince il calcio [FOTO]

Gol Malinovsky, solo reti spettacolari in Atalanta-Lazio: siluro sotto la traversa [VIDEO]

Infortunio Cataldi, preoccupazione casa Lazio: il centrocampista è out

Autogol de Roon, l’errore del centrocampista dell’Atalanta è tragicomico [VIDEO]

Gol Milinkovic-Savic, prodezza incredibile del serbo in Atalanta-Lazio [VIDEO]