Foden e Greenwood, spunta il VIDEO con la telefonata alla ragazza: “Ci fate entrare in hotel? Secondo te per fare cosa?”

La vicenda riguardante Foden e Greenwood, i due calciatori inglesi che hanno violato le norme anti-covid, si arricchisce di nuovi scenari

  • Foto Facebook
    Foto Facebook
  • Foto Facebook
    Foto Facebook
  • Foto Facebook
    Foto Facebook
  • Foto Facebook
    Foto Facebook
  • Foto Facebook
    Foto Facebook
  • Foto Facebook
    Foto Facebook
  • Foto Facebook
    Foto Facebook
  • Foto Facebook
    Foto Facebook
  • Foto Facebook
    Foto Facebook
  • Foto Facebook
    Foto Facebook
  • Foto Facebook
    Foto Facebook
/

Si arricchisce di nuovi scenari la vicenda legata ai due calciatori della Nazionale inglese, Foden e Greenwood, mandati a casa dal ct Southgate per aver invitato due ragazze nell’hotel in cui alloggiava la squadra violando così le norme anti-covid. Una ‘ragazzata’, ovviamente, che potrebbe portare qualche conseguenza in termini di contatti con l’esterno in un periodo in cui i calciatori sono super controllati e devono attenersi a determinate regole.

Sui social, intanto, è spuntato il VIDEO della telefonata dei due calciatori ad una delle ragazze. Si prova a pianificare la serata. Lei, con un’amica, avrebbe chiesto di entrare in hotel, ma non saprebbe come. I calciatori non fanno resistenza, ma si chiedono il motivo dell’eventuale incontro. E la ragazza risponde sorridendo: “Secondo te per fare cosa?”.

 

I media inglesi sono andati a spulciare tra i social, scoprendo che la ragazza in questione corrisponde a Nadía Sif Líndal, modella islandese 20enne che si sarebbe introdotta nell’hotel insieme alla cugina, di un anno più piccola, Lara Clausen. Secondo le ricostruzioni le due ragazze avrebbe preso una stanza a parte, in un altro piano, pagando di tasca loro ma incontrandosi poi in stanza con i due calciatori, come dimostrato anche da alcune immagini che circolano sul web.

instagram story fodenFoden, per l’occasione, si è anche scusato con tutti tramite una Instagram Story sul suo profilo ufficiale: “In merito alla storia emersa oggi riguardo alle mie azioni in Islanda, voglio scusarmi. Chiedo scusa a Gareth Southgate, ai miei compagni di squadra inglesi, allo staff, ai tifosi e anche al mio club e alla mia famiglia. Quando sono stato convocato da Gareth per queste partite, la mia prima reazione è stata quella di immenso orgoglio. Indossare la maglia della Nazionale maggiore al mio debutto in Inghilterra è stato un privilegio incredibile. Sono un giovane giocatore con molto da imparare, ma sono consapevole dell’enorme responsabilità che ho nel rappresentare il Manchester City e l’Inghilterra a questo livello. In questa occasione ho preso una decisione sbagliata e il mio comportamento non ha soddisfatto gli standard che ci si aspettava da me. Ho violato i protocolli Covid-19 messi in atto per proteggere me stesso e i miei colleghi inglesi. Di conseguenza ora perderò l’opportunità di viaggiare in Danimarca con la squadra e questo mi fa male. Imparerò una lezione preziosa da questo errore di giudizio e auguro a Gareth e alla squadra buona fortuna questa settimana”.

La ragazza intanto, Nadía Sif Líndal, sembrerebbe aver eliminato ogni traccia dal suo profilo Instagram, anche se è più probabile che abbia cancellato il vecchio account per crearne uno nuovo. Su Facebook, invece, ha postato alcuni messaggi offensivi ricevuti pubblicamente e privatamente. In alto la FOTOGALLERY con qualche scatto della bella modella.