Gol Cristiano Ronaldo, eccola la “prima” del portoghese in Italia su punizione [VIDEO e FOTO]

Gol Cristiano Ronaldo - Prima perla in Italia su piazzato per il portoghese, che dopo due anni riesce a sbloccarsi: il VIDEO

  • Photo by Valerio Pennicino/Getty Images
    Photo by Valerio Pennicino/Getty Images
  • Photo by Valerio Pennicino/Getty Images
    Photo by Valerio Pennicino/Getty Images
  • Dybala (Photo by Valerio Pennicino/Getty Images)
    Dybala (Photo by Valerio Pennicino/Getty Images)
  • Bentancur (Photo by Valerio Pennicino/Getty Images)
    Bentancur (Photo by Valerio Pennicino/Getty Images)
  • Photo by Valerio Pennicino/Getty Images
    Photo by Valerio Pennicino/Getty Images
  • Photo by Valerio Pennicino/Getty Images
    Photo by Valerio Pennicino/Getty Images
  • Photo by Valerio Pennicino/Getty Images
    Photo by Valerio Pennicino/Getty Images
  • Photo by Valerio Pennicino/Getty Images
    Photo by Valerio Pennicino/Getty Images
/

Gol Cristiano Ronaldo – La attendevano in tanti, da tanto. Ci si chiedeva perché Ronaldo alla Juve non riuscisse a segnare su punizione. Anzi, perché non riuscisse ad andarci neanche vicino. Lo faceva al Manchester United, lo faceva al Real Madrid, lo fa in Nazionale. In Italia niente, eppure spesso è lui a tirare i piazzati. Ma oggi, finalmente, dopo due anni, è arrivato anche il primo gol su punizione in Serie A. E non è un gol banale. Il tiro è dal limite, la posizione non è semplice, ma CR7 scavalca alla grande la barriera e angola nell’incrocio, dove Sirigu non arriva. In alto qualche FOTO della sfida, di seguito il VIDEO.

 

La Juve mantiene il distanziamento sociale dalla Lazio: poker al Toro ancora con “Dybaldo” [FOTO]

Juventus-Torino 4-1, le pagelle di CalcioWeb: Cristiano Ronaldo punisce i granata, Buffon highlander [FOTO]

Juventus, due assenze pesantissime per il Milan: De Ligt e Dybala diffidati e ammoniti

Gol Dybala: ennesima perla dell’argentino che manda subito in vantaggio la Juve, poi il raddoppio di Cuadrado [VIDEO]

I falli di mano e i rigori, la solita storia: De Ligt ci ricasca e Young invocato, ma ecco perché la decisione è giusta