Ines Trocchia: “con il lockdown sono aumentati i maniaci, dai feticisti dei piedi a quelli degli slip”

Ines Trocchia si confessa. La giornalista sportiva parla del mondo dei social e delle differenze dopo il lockdown per Coronavirus

  • Foto Instagram
    Foto Instagram
  • Foto Instagram
    Foto Instagram
  • Foto Instagram
    Foto Instagram
  • Foto Instagram
    Foto Instagram
  • Foto Instagram
    Foto Instagram
  • Foto Instagram
    Foto Instagram
  • Foto Instagram
    Foto Instagram
  • Foto Instagram
    Foto Instagram
  • Foto Instagram
    Foto Instagram
  • Foto Instagram
    Foto Instagram
  • Foto Instagram
    Foto Instagram
  • Foto Instagram
    Foto Instagram
/

Ines Trocchia è intervenuta ai microfoni di Rai Radio2 nel corso del format “I Lunatici”, condotto da Roberto Arduini e Andrea Di Ciancio, in diretta dal lunedì al venerdì notte dalla mezzanotte alle sei.

La modella e influencer ha parlato un po’ di sé – “Che momento è per chi fa il mio lavoro? Sicuramente non il migliore, soprattutto per chi come me lavora a livello internazionale. E’ diventato tutto complicato, l’America ha chiuso i confini per i prossimi sei mesi, molti Stati ti mettono in quarantena, magari per un giorno di lavoro devi farti la quarantena quando vai e la quarantena quando torni. Non è facile. Il disagio è per tutti, bisogna rimanere positivi, ma nella mia sfera professionale i disagi sono stati tantissimi. Si vive un periodo di incertezza, di frustrazione, molte cose saltano, altre restano sospese. Bisogna restare tranquilli, sicuramente. Sperando che presto si torni alla normalità. Per chi lavora nel mondo dello spettacolo è davvero dura“.

“Gli haters? Io cerco sempre di dargli poca importanza, perché se devo dedicare tempo, preferisco farlo con le persone che mi supportano. Però ci sono diversi tipi di attacchi. Si va da quello fisico ad altri. A me alcuni scrivono che sono troppo magra e che devo mangiare di più, poi se metti tre quattro chili ti dicono che sei ingrassata e devi fare la dieta. Molte persone hanno tanta frustrazione da sfogare e non sanno con chi prendersela. Se vai in palestra e ti alleni ti dicono che sei un cattivo esempio, se metti qualche chilo in più e fai una foto mentre mangi la pasta, ti dicono che sei ingrassata. Offese di altro tipo? C’è chi dice che è impossibile che io non abbia rifatto nulla. C’è chi mi dà della bambola rifatta, ma io non mi sono ritoccata mai nulla, a parte i denti. Per non parlare del commento in assoluto che odio di più, dei misogini e dei maschilisti, che pensano che tutte le donne che arrivano a un minimo di realizzazione professionale nel suo campo lavorativo, siano lì perché hanno fatto favori a qualcuno. Non vale solo per le modelle. Anche per chi fa altri lavori, l’uomo pensa sempre che se la donna arriva ad una piccola posizione nella società, non è mai grazie alle sua capacità. Pare una cosa concessa solo agli uomini. E’ un commento maschilista, ignorante e superficiale“.

Social e maniaci – “Con il lockdown sono aumentati. Stando a casa, non avendo niente da fare, molti spendevano la propria giornata sui social. I maniaci ci sono sempre, si spazia dai feticisti dei piedi ai feticisti degli slip, che sono sempre di più. Poi ci sono gli aspiranti schiavi, quelli che sono pronti a pulirti casa, a pagarti le bollette, cose così”. In alto la FOTOGALLERY con tutte le immagini di Ines Trocchia.

Ines Trocchia si prepara così per il derby: l’interista manda in tilt il web [FOTO]