Juan Jesus rifila una bordata all’Inter: “ho visto passare 50 giocatori…”

  • LaPresse/REUTERS
    LaPresse/REUTERS
  • Juan Jesus (Foto Daniele Montigiani)
    Juan Jesus (Foto Daniele Montigiani)
  • Juan Jesus (ALFREDO FALCONE)
    Juan Jesus (ALFREDO FALCONE)
  • LaPresse/Alfredo Falcone
    LaPresse/Alfredo Falcone
  • LaPresse/Alfredo Falcone
    LaPresse/Alfredo Falcone
  • LaPresse/Alfredo Falcone
    LaPresse/Alfredo Falcone
  • LaPresse/REUTERS
    LaPresse/REUTERS
  • LaPresse/Alfredo Falcone
    LaPresse/Alfredo Falcone
  • LaPresse/Alfredo Falcone
    LaPresse/Alfredo Falcone
  • JUAN JESUS - LaPresse - Spada
    JUAN JESUS - LaPresse - Spada
  • Juan Jesus (Foto LaPresse - Spada)
    Juan Jesus (Foto LaPresse - Spada)
/

Arrivato all’Inter nel 2012, Juan Jesus non ha mai convinto. In estate il brasiliano è stato ceduto in prestito con obbligo di riscatto legato ai risultati alla Roma. Intervistato dai microfoni di ‘Sky’, il difensore non ha risparmiato una frecciata alla sua ex squadra: Quando ero all’Inter, ho visto passare 50 giocatori…”.

Cambiavano sempre, è dura fare una squadra senza continuità. Juan Jesus indica poi nella Juve l’esempio da seguire: “Vince perchè ha un nucleo storico e cambia poco ogni anno. Penso a gente come Bonucci, Barzagli, Buffon, Chiellini, Marchisio… è sempre lo stesso gruppo. I bianconeri hanno una mentalità fortissima, sono come delle macchine e lo hanno dimostrato ieri contro il Barcellona. Al ‘Camp Nou’ sarà dura ma la Juve non è il PSG“.

Infine il brasiliano parla della scelta di approdare a Roma: “Qui c’è un bel blocco di giocatori formato da De Rossi, Totti, Florenzi, Nainggolan e Strootman“.