La Fiorentina frena ancora, Corvino sbotta contro gli arbitri: “errori evidenti”

  • LaPresse/Alessandro Fiocchi
    LaPresse/Alessandro Fiocchi
  • LaPresse/Alessandro Fiocchi
    LaPresse/Alessandro Fiocchi
  • LaPresse/Alessandro Fiocchi
    LaPresse/Alessandro Fiocchi
  • LaPresse/Alessandro Fiocchi
    LaPresse/Alessandro Fiocchi
  • LaPresse/Alessandro Fiocchi
    LaPresse/Alessandro Fiocchi
  • Matri - LaPresse/Alessandro Fiocchi
    Matri - LaPresse/Alessandro Fiocchi
  • Ragusa - LaPresse/Alessandro Fiocchi
    Ragusa - LaPresse/Alessandro Fiocchi
  • LaPresse/Alessandro Fiocchi
    LaPresse/Alessandro Fiocchi
  • Duncan (Foto LaPresse/Alessandro Fiocchi)
    Duncan (Foto LaPresse/Alessandro Fiocchi)
  • LaPresse/Alessandro Fiocchi
    LaPresse/Alessandro Fiocchi
  • LaPresse/Alessandro Fiocchi
    LaPresse/Alessandro Fiocchi
/

La Fiorentina dopo il ko con il Palermo non è andata oltre il pareggio con il Sassuolo. Le possibilità di acciuffare il sesto posto che potrebbe significare Europa League si affievoliscono ulteriormente. Al termine del match, però, il ds dei viola, Pantaleo Corvino, intervenendo in zona mista ha sbottato contro gli arbitri:

State vedendo tutti gli errori che stanno condizionando le nostre partite. Oggi non ci dimentichiamo il goal del possibile 2-0 che è stato annullato ed il rigore inesistente che ha portato all’espulsione di Gonzalo Rodriguez“.

Dopo l’elogio alla squadra di averci provato fino alla fine, Corvino ha poi tirato le orecchie ai tifosi per fischiato i giocatori: “Ad ogni modo la squadra ha perlomeno dimostrato di voler lottare fino alla fine, ha dato un segnale importante da questo punto di vista. Cori contro società e squadra? Ho sempre detto che quando una società vuole raggiungere determinati traguardi è necessario che le diverse componenti siano unite tra di loro“.

Infine il ds viola ha concluso parlando della stagione e della rosa a disposizione di Sousa: “Non ci dobbiamo dimenticare del fatto che abbiamo vinto contro Juventus, Inter e Roma e quasi contro Napoli e Milan. Sono dei segnali che dimostrano il valore di questa squadra e di questa rosa.

Di sicuro dovremmo chiederci del perchè non abbiamo fatto determinati risultati contro le più piccole. Dico però che 56 punti non possono essere considerati pochi. Ripeto, c’è comunque rammarico per il fatto che stiamo ancora lottnado per l’Europa pur avendo perso punti contro le piccole“.