Notizie del giorno – 6 positivi al Covid e partita rinviata, Conte fa infuriare i bianconeri, Belen in topless

Le notizie del giorno - In primo piano i 6 positivi al Covid, le parole di Conte che fanno infuriare gli juventini e il topless di Belen

  • Photo by Emilio Andreoli/Getty Images
    Photo by Emilio Andreoli/Getty Images
  • Foto Instagram
    Foto Instagram
  • Foto Instagram
    Foto Instagram
  • Foto Instagram
    Foto Instagram
  • Foto Instagram
    Foto Instagram
  • Foto Instagram
    Foto Instagram
  • Foto Instagram
    Foto Instagram
  • Foto Instagram
    Foto Instagram
  • Foto Instagram
    Foto Instagram
  • Foto Instagram
    Foto Instagram
  • Foto Instagram
    Foto Instagram
  • Foto Instagram
    Foto Instagram
  • Foto Instagram
    Foto Instagram
  • Foto Instagram
    Foto Instagram
/

Le notizie più importanti della giornata di ieri, lunedì 20 luglio.

CAOS IN SPAGNA – Un caos vero e proprio, quanto accaduto in Spagna. L’ultima giornata di Segunda Division, la nostra Serie B, avrebbe dovuto giocarsi in contemporanea. Ma una gara, quella tra Deportivo La Coruna e Fuenlabrada, non è stata disputata. Motivo? La squadra ospite ha riscontrato sette positivi al Coronavirus, tra cui sei calciatori. Il resto delle gare, in ogni caso, è regolarmente sceso in campo. Ma la contemporaneità totale non c’è e per questo motivo non sono mancate le polemiche sulla regolarità del campionato. (L’ARTICOLO COMPLETO)

CONTE FA ARRABBIARE I TIFOSI JUVENTINI – “Nei momenti di difficoltà, se devono tirare uno schiaffo lo tirano all’Inter, è stato così in passato e lo è anche ora”. Pochissimi secondi, una frase chiara, trasparente e che lascia poco spazio all’interpretazione. Hanno fatto molto discutere le dichiarazioni del tecnico nerazzurro Antonio Conte dopo Roma-Inter. Nel mirino dell’allenatore pugliese è finito il calendario, definito “folle, per metterci in difficoltà. Le nostre avversarie hanno sempre avuto un giorno di riposo in più di noi – dice – C’è un’anomalia, se siete onesti vi rendete conto di quello che accade… Quando hanno fatto i calendari forse noi non eravamo presenti. Noi abbiamo un calendario folle, altre si riposano 5 giorni”. Quell’ “altre”, unito alla frase di inizio articolo, non devono essere andate giù ai tifosi della Juve. Lui che, per una vita, da calciatore (e anche capitano) prima e da allenatore poi, è stato tra i simboli e le bandiere della storia bianconera, si trova adesso – tra le righe – ad accusare proprio quel passato che prima difendeva. E magari difendeva proprio dagli attacchi della squadra che ora allena, per una rivalità che esiste da una vita. Parlare di rottura col passato forse è riduttivo, tardivo. In fondo, una buona fetta di tifosi della Juve ha “cancellato” dalla memoria Conte proprio dopo il suo passaggio all’Inter quest’estate. Ma se in tanti, allora, avevano “capito” il gesto, inteso come quello di un professionista che accetta di lavorare per una società, in seguito alle parole di ieri anche quei “tanti” ha rischiato di “farseli fuori”. Si sapeva? Sì, si sapeva. E infatti, il giorno dopo, le reazioni sui social non sono mancate. Ne abbiamo raccolte alcune nella FOTOGALLERY in alto. (L’ARTICOLO COMPLETO)

IL TOPLESS DI BELEN – Belen si conferma in splendida forma, come dimostrano gli scatti pubblicati sul suo profilo Instagram. L’argentina ha concesso immagini bollenti che, in poco tempo, hanno raggiunto numeri enormi di like e commenti. L’ultima foto è in topless con la didascalia che lascia pochi dubbi: “ops…”. E’ provocante e sensuale, non una novità per una delle ragazze più sexy in assoluto. Sfoglia la FOTOGALLERY in alto con la foto in topless e tutte le altre immagini di Belen. (L’ARTICOLO COMPLETO)

MIHAJLOVIC TUONA – Il Bologna sta disputando una stagione positiva, nonostante la brutta sconfitta nella partita di campionato contro il Milan. Sono circolate voci di una possibile rottura tra Mihajlovic e la dirigenza, il tecnico ha parlato così alla vigilia della sfida contro l’Atalanta. “Problemi con la società? Sono tutte c****te. Si dice che io sia diviso dalla società per i programmi sul futuro. Non è vero: ogni allenatore vorrebbe avere 24 campioni ma non è possibile. Io conosco i piani di crescita del Bologna, li accetto: ci sono 7 squadre superiori e due come Fiorentina e Torino che puntano a risalire. Con i dirigenti lavoriamo per come colmare le lacune con acquisti mirati. L’Europa non è obbligatoria quest’anno. Oggi non dipende solo da noi, ma nel tempo, se saremo bravi, potremo farlo diventare un obiettivo reale. Non c’è rottura, quindi, ma unità d’intenti.Perdere come col Milan mi fa imbestialire. Da ragazzo facevo lo sparring partner nella boxe, non mi piaceva per nulla. Siamo stati così l’altro giorno. Il turn over era necessario giocando ogni tre giorni ma non può essere un alibi per subire una sconfitta così netta anche affrontando una squadra più forte di noi”.

Lecce, per Rossettini il peggio è passato: “Infezione da puntura di zanzara, ora vedo le cose in maniera diversa”

Squalificati Serie A, il giudice sportivo: quattro i calciatori fermati, multa salata per Oriali

Calciomercato Benevento, beffa Remy: non supera le visite mediche, salta il trasferimento

Il Pallone d’Oro 2020 non verrà assegnato, France Football si astiene dal giudizio: decisione epocale

La Russa contro la Juve: “quando sente il rumore dei nemici alle spalle, arriva l’aiutino”