Le notizie del giorno: Alessandro Minelli costretto a fermarsi, paura per Federico Gentile e i dettagli su Maradona

Gli ultimi aggiornamenti che riguardano il mondo del calcio italiano ed estero. Le notizie sulla morte di Maradona

  • Foto Clarin
    Foto Clarin
  • Foto Clarin
    Foto Clarin
  • Foto Clarin
    Foto Clarin
  • Foto Clarin
    Foto Clarin
  • Foto Clarin
    Foto Clarin
  • Foto Clarin
    Foto Clarin
  • Foto Clarin
    Foto Clarin
/

Tantissime le notizie del giorno legate al mondo del calcio. Sono state ore di grande paura per il capitano del Foggia Federico Gentile. La squadra sta disputando una stagione comunque positiva nel campionato di Serie C, da neopromossa si trova in piena zona playoff e può togliersi tante soddisfazioni fino al termine della stagione. E’ reduce da tre risultati utili consecutivi e si sta preparando per il big match contro il Palermo. L’ambiente è stato però sconvolto dall’episodio che ha colpito il centrocampista. Secondo quanto ricostruito, la porta di casa è stata incendiata in piena notte, all’interno dell’appartamento erano presenti anche i due figli. Il calciatore non si è esposto. (LA NOTIZIA NEL DETTAGLIO). 

Il Bari dovrà rinunciare per le prossime partite al difensore Alessandro Minelli. Il club sta disputando una buona stagione nel campionato di Serie C, deve inseguire la Ternana che è protagonista di una stagione davvero entusiasmante, ma esistono ancora i margini per ridurre le distanze. Dovrà rinunciare al classe 1999, è un calciatore di proprietà della Juventus che è stato girato in prestito proprio al Bari. Nonostante la giovane età può vantare tantissime esperienze, dall’Inter al Parma, dal Trapani fino alla Juventus 23. Il giocatore ha dovuto affrontare la positività al Coronavirus e la visita dell’idoneità ha fatto emergere alcune alterazioni. E’ stato necessario, dunque, lo stop per almeno un mese. (LA NOTIZIA NEL DETTAGLIO). 

Sono stati richiesti approfondimenti sulle condizioni di salute del portiere Etrit Berisha. L’estremo difensore è stato un assoluto protagonista della stagione della Spal, dopo l’amara retrocessione in Serie B e l’inizio da dimenticare, la squadra ha recuperato terreno: è reduce da una serie di vittorie che hanno permesso di recuperare terreno in classifica. Nelle prossime gare non potrà contare su Berisha, il calciatore è risultato positivo al Coronavirus e come comunicato proprio dalla Spal è stato necessario il ricovero in ospedale. (LA NOTIZIA NEL DETTAGLIO). 

La morte di Maradona

Si sta provando a fare luce sulla morte di Diego Armando Maradona.  Il mondo del calcio continua a piangere la morte del calciatore più forte di tutti i tempi, l’ex Pibe de Oro è deceduto a causa di un arresto cardiorespiratorio. Ma sono tanti i dubbi, soprattutto sulle ultime ore di vita, non sono mancate le accuse nei confronti del medico personale. In tantissimi hanno deciso di esprimere messaggi di cordoglio, in più si sono dovute registrare le polemiche di chi ha voluto sindacare sulla vita di eccessi dell’ex calciatore del Napoli.

La rivelazione di un ex amico di Maradona: “è stato rapito per dieci anni”, il retroscena dopo la morte

Il Pibe de Oro ha trascorso gli ultimi giorni di vita in condizioni precarie. E’ quanto confermato anche da testimoni oculari: “Maradona è stato parcheggiato alla buona in una stanza improvvisata accanto alla cucina. C’erano un materasso, un televisore e un bagno chimico,una persona nelle condizioni di Maradona non poteva essere curata in simili condizioni. Una persona con le sue possibilità avrebbe potuto permettersi le strutture più avanzate e una casa con tutti i comfort del caso”.

Ana Maradona è una delle sorelle maggiori dell’ex calciatore argentino. “Le figlie Dalma e Giannina quando sono venute a trovarlo? Mai, mai”, è quanto dichiarato durante il programma “Los Angeles de la Mañana” su Canale 13. Il rapporto con Diego non è stato mai per interessi: “non accetto speculazioni. Nessuno viveva con i soldi di Diego, nessuno. Era molto generoso, sì, era generoso, a volte ci aiutava, ci dava qualcosa, ma niente di più”. Poi un altro retroscena: “quando andavamo a trovarlo era solo perché volevamo stare con lui. Era stato abbandonato dalle sue figlie. Chiedete alle figlie quando lo hanno visto. Non le abbiamo mai incontrate”.

E’ partita la ‘guerra’ per l’eredità di Diego Armando Maradona. Secondo As, la stima è di circa 50 milioni di dollari. Tra le sue proprietà ci sono 5 case, quattro automobili, più gioielli. I suoi eredi sono cinque: Dalma, Giannina, Diego Junior, Jana e Diego Fernando, ma ci sono altre 6 persone che rivendicano la paternità. Il giornale spagnolo è sicuro: ci sarebbe una lotta interna per assicurarsi i beni del Pibe de Oro. (LA NOTIZIA NEL DETTAGLIO). 

Maradona ha trascorso gli ultimi giorni di vita in condizioni giudicate oltre il limite. Il sito Clarin ha pubblicato le foto della casa, non si tratta di un’abitazione piccola, ma mancano i migliori comfort. La domanda è: perché Maradona non abitava in una casa all’altezza della sua condizione? In alto la FOTOGALLERY con tutte le immagini.

La morte di Maradona continua a far discutere: le rivelazioni del legale dell’infermiera e le accuse di Mario Giordano