Wolverhampton-Torino, le pagelle di CalcioWeb: Belotti predica nel deserto, dove sta Zaza? [FOTO]

Wolverhampton-Torino - Si è appena conclusa la gara valida per il ritorno dei playoff di Europa League, le pagelle di CalcioWeb

  • Fabio Ferrari/LaPresse
    Fabio Ferrari/LaPresse
  • Foto LaPresse - Fabio Ferrari
    Foto LaPresse - Fabio Ferrari
  • Foto LaPresse - Fabio Ferrari
    Foto LaPresse - Fabio Ferrari
  • Fabio Ferrari/LaPresse
    Fabio Ferrari/LaPresse
  • Foto LaPresse - Fabio Ferrari
    Foto LaPresse - Fabio Ferrari
  • Fabio Ferrari/LaPresse
    Fabio Ferrari/LaPresse
  • Foto LaPresse - Fabio Ferrari
    Foto LaPresse - Fabio Ferrari
  • Foto LaPresse - Fabio Ferrari
    Foto LaPresse - Fabio Ferrari
  • Fabio Ferrari/LaPresse
    Fabio Ferrari/LaPresse
  • Foto LaPresse - Fabio Ferrari
    Foto LaPresse - Fabio Ferrari
  • Foto LaPresse - Fabio Ferrari
    Foto LaPresse - Fabio Ferrari
  • Foto LaPresse - Fabio Ferrari
    Foto LaPresse - Fabio Ferrari
  • Foto LaPresse - Fabio Ferrari
    Foto LaPresse - Fabio Ferrari
  • Foto LaPresse - Fabio Ferrari
    Foto LaPresse - Fabio Ferrari
/

Wolverhampton-Torino,le pagelle di CalcioWeb – E’ appena terminata la gara di Europa League tra Wolverhampton e Torino, ritorno dei playoff. Granata che non riescono nell’impresa di ribaltare la sconfitta per 2-3 subita all’andata. Finisce 2-1. A segno Raul Jimenez e Dendoncker per gli inglesi, il solito Belotti per il Toro. Male tutta la linea difensiva, ma anche gli esterni di centrocampo. Si salva il solito Belotti.

WOLVERHAMPTON-TORINO, LE PAGELLE DI CALCIOWEB

Wolverhampton (3-5-2): Rui Patricio 6.5; Vallejo 6, Coady 6, Boly 6; Traoré 7, Dendoncker 7, Saiss 6.5, Moutinho 6.5 (90′ Neves sv) , Jonny 6; Raul Jimenez 7.5 (92′ Pedro Neto sv), Diogo Jota 7 (81′ Cutrone 5.5).

TORINO (3-5-2):

SIRIGU 6: Para quello che può, ma con una difesa così nemmeno Cristo può fare i miracoli.

IZZO 5.5: Anche nel disastro generale, lui c’è sempre: presente.

BONIFAZI 4: Uccellato da Raul Jimenez sul primo gol: dilettante.

BREMER 4.5: Si impegna, ma non può fare tanto, il giocatore è quello che è: miracolato.

DE SILVESTRI 5: Non sui soliti livelli: oggi la voglia è rimasta negli spogliatoi: nato stanco.

BASELLI 5.5: Nel primo tempo prova a regalare un pallone in tribuna ai parenti, nel secondo aggiusta la mira: Dottor Jekyll e Mr Hyde.

RINCON 5: Ci mette il cuore, ma solo quello: generoso (72′ Meité 4.5)

LUKIC 4: Non dà qualità, picchia come un fabbro: raccoglie due tibie e tre rotule e per oggi il suo cane è a posto.

AINA 5: Prova a fare qualcosa di buono nel primo tempo, ma (purtroppo per lui) Traoré va più veloce dei lavori sulla Salerno-Reggio Calabria (dal 70′ Berenguer 5 )

ZAZA 4: Dove sta Zazà? Così cantava Nino Taranto, oggi noi ci chiediamo “dove sta Zaza?” (82′ Millico 5.5)

BELOTTI 6: Lotta, come sempre, ma predica nel deserto: Maometto.