Fabio Capello all’attacco: “Certi allenatori delle giovanili andrebbero messi in prigione”

Il tecnico italiano durissimo contro alcuni allenatori e le loro metodologie

“Il settore giovanile deve essere una grande fucina di giocatori e per fare questo bisogna insegnare piu’ tecnica che tattica. Perche’ alla velocita’ a cui si gioca oggi ci vuole grande, grande tecnica. Questo e’ emerso chiaramente al Mondiale. Invece mi capita di vedere allenatori che a bambini di dieci, undici anni, insegnano la tattica. Penso che questi personaggi andrebbero messi in prigione, perche’ ai piccoli devi insegnare la parte ludica facendo si’ che migliorino nella tecnica. Ma siccome e’ molto piu’ facile insegnare la tattica… Ecco il vero problema del settore giovanile”. E’ un duro attacco al settore giovanile italiano quello lanciato da Fabio Capello in un’intervista al sito “gazzettaregionale.it”. “Ci sono tantissimi stranieri e pochi di questi hanno fatto quel salto di qualita’ che ci si aspettava – aggiunge l’ex ct della Russia -. Questo nonostante i settori giovanili italiani abbiano sempre fatto buonissime cose. Poi direi che e’ fondamentale puntare su allenatori che hanno passione e pagare bene quelli bravi per quello che producono. Se non vengono remunerati nel modo giusto cercano altre strade, poiche’ in questo settore normalmente non pagano molto. Parlo per esperienza personale, perche’ ho fatto sei anni di giovanili al Milan”. Secondo Capello “troppe volte si predilige la parte fisica e non quella tecnica, si cerca la velocita’ e non l’intelligenza tecnico-tattica. Evidentemente queste scelte non hanno dato risultati”. La Germania per molti e’ un modello da seguire: “Tutti i progetti sono attuabili, ma ci vuole la gente – sottolinea -. Servono persone che seguano queste cose per anni, serve continuita’. Se ogni due anni cambiamo, non creeremo mai nulla. Ci vuole una direttiva, un modo di pensare, una filosofia tecnico-tattica e lavorare su questa. Poi c’e’ anche un’altra verita’: ci sono momenti in cui nascono talenti e altri momenti no. L’esempio piu’ lampante e’ il Belgio: pochi anni fa era scomparso, ora ne ha diversi. Anche se, la nuda verita’, e’ che in Italia non fanno giocare i giovani”.

partita tra bambiniDa cosa puo’ dipendere questa scelta? “O gli allenatori delle prime squadre non hanno il coraggio, o non riescono a vedere il talento. Perche’ il talento lo vedi, anche se puo’ sbagliare una o due partite. Mi ricordo un aneddoto. Allenavo la Primavera del Milan ed eravamo impegnati in trasferta contro il Torino di Vatta. Nella mia squadra giocava Paolo Maldini che aveva sedici anni. Dopo il match mi raggiunge un mio collega, al tempo vice di Gigi Radice e mi chiede: ma tu fai giocare Maldini perche’ e’ il figlio di Cesare? Ho risposto che intanto mi stava offendendo e che ne avremmo riparlato presto. La stagione seguente era titolare in Serie A. Questo per dire che quando c’e’ il talento a sedici anni lo vedi e puo’ giocare con calciatori di diciotto, diciannove. Quando sono andato al Real Madrid c’erano Raul e Guti diciannovenni e Victor appena maggiorenne: tutti titolari! In Italia quando vedi una cosa del genere? Mai”. Per Capello “bisogna copiare. Copiare dalla Spagna, copiare dalla Germania, imparare e sviluppare un modello nostro a seconda delle caratteristiche che abbiamo. Le squadre B? Dovrebbero essere obbligatorie. Bisognerebbe creare un comitato ad hoc che decidesse per il bene del calcio”. E se per ipotesi venisse chiamato in causa per la rinascita del movimento italiano? “No, ho altri problemi per la testa… Ho altri problemi (ride, ndr)”

  22:29 18.07.14
Condividi
article
110431
CalcioWeb
Fabio Capello all’attacco: “Certi allenatori delle giovanili andrebbero messi in prigione”
Il tecnico italiano durissimo contro alcuni allenatori e le loro metodologie “Il settore giovanile deve essere una grande fucina di giocatori e per fare questo bisogna insegnare piu’ tecnica che tattica. Perche’ alla velocita’ a cui si gioca oggi ci vuole grande, grande tecnica. Questo e’ emerso chiaramente al Mondiale. Invece mi capita di vedere
http://www.calcioweb.eu/2014/07/fabio-capello-allattacco-certi-allenatori-delle-giovanili-andrebbero-messi-in-prigione/110431/
2014-07-18 22:29:19
http://www.calcioweb.eu/wp-content/uploads/2013/12/capello.jpg
fabio capello
In evidenza
Torna alla Home