Euro2016 e lo strano caso di Pogba: equilibrio, questo sconosciuto

CalcioWeb

Non c’è nulla da fare, Paul Pogba deve portare tanta pazienza. Farà discutere sempre, perché ai migliori succede sempre così. Del resto, al giorno d’oggi c’è anche qualcuno che osa mettere in dubbio le capacità di Lionel Messi e Cristiano Ronaldo, figurarsi se non si creano degli inutili polveroni attorno al francese. All’indomani di Euro2016, gli esperti del settore hanno stilato le classiche formazioni contenenti i migliori ed i peggiori del torneo. Ecco, è paradossale leggere come il nome di Pogba in alcuni casi compaia nei top 11, in altri nei flop 11. Un controsenso talmente evidente da non poter non risultare imbarazzante.

E’ questione anche di campanilismo, soprattutto di campanilismo. Più di qualcuno in Italia, ad esempio, ha ritenuto opportuno citare Pogba tra i migliori del torneo. Una cosa alquanto discutibile, soprattutto se andiamo a vedere sia le primissime partite all’Europeo del campioncino della Juventus, sia se diamo un occhio alla finale giocata, male, contro il Portogallo. C’è una cosa da dire a sua discolpa: Deschamps gli ha fatto fare il mediano puro, una mezza follia. Ma i fatti sono fatti e quello disputato da Pogba è stato un buon Europeo, tra alti e bassi, nulla più e nulla meno. Appunto per questo è altrettanto assurdo inserire il nome di Pogba tra i peggiori. Ha fatto anche delle eccellenti partite, su tutte quella disputata in semifinale contro la Germania.

Insomma, su questo ragazzo ci vorrebbe un po’ di equilibrio. Invece si fa sempre un gran parlare di presunte megaofferte alla Juventus, di un calciatore sopravvalutato, di un giocatore incapace di trascinare la propria squadra alla vittoria. Ma ce lo ricordiamo che parliamo di un ragazzo di 23 anni oppure no? Ce lo ricordiamo che di Maradona ne è nato uno solo ed un altro, forse, nascerà tra 100 anni oppure no? No, forse non ce lo ricordiamo. E’ il destino di quelli bravi, evidentemente. Ed ecco che si va avanti da tanto tempo e ancora altro, parecchio altro, ne passerà, parlando sempre di Pogba in maniera eccessiva, nel bene e nel male.

Condividi