Gigi Buffon e i calci di rigore: tallone d’Achille? Assolutamente no

C’è ancora tanta amarezza per l’eliminazione dell’Italia da Euro2016 con la sconfitta ai caldi di rigore contro la Germania dopo l’1-1 dei tempi regolamentari e supplementari. Ci sono voluti 9 rigori a squadre per decretare la semifinalista dell’Europeo tra tedeschi e azzurri. Dopo il ko contro Muller e compagni, alcuni tifosi italiani hanno ‘accusato’ Buffon di non essere decisivo sui tiri dagli undici metri. Il portiere e capitano dell’Italia, in effetti, ha intuito spesso il lato del rigore ma ha parato solo il tiro di Muller.

LaPresse/EFE
LaPresse/EFE

Innanzitutto, Buffon è un campione e ha dimostrato, nonostante l’età, di essere ancora determinante con incredibili miracoli durante le partite. Poi, le statistiche dimostrano come i rigori non siano il tallone d’Achille della leggenda italiani. Buffon, infatti, nel corso della sua pazzesca e vincente carriera, ha una buona media sui calci di rigore. A marzo 2015, la media si aggirava sul 19% di rigori parati. La media si è abbassata con i rigori realizzati dai tedeschi nel quarto di finale di Euro2016 ma rimane comunque alta.

Inoltre, nell’ultima stagione, Buffon ha parato due rigori importantissimi: quello a Mandzukic nella scontro diretto contro la Croazia nel girone di qualificazione all’Europeo finito 1-1 e quello a Kalinic ad aprile nella sfida di Serie A tra Juve e Fiorentina nei minuti finali dell’incontro.

Totti Infine, segnaliamo diversi rigori importanti parati da Buffon che, probabilmente, la gente con la memoria corta non ricorda: tre prodezze nella sfida ai rigori con l’Uruguay nella Confederations Cup 2013; il rigore parato a Totti in Roma-Juve a dicembre 2011; quello intercettato con il piede a Mutu agli Europei del 2008; il miracolo su Calaiò in Genoa-Juve 0-1 a marzo 2014; il penalty parato a Figo nella semifinale di Champions 2003 tra bianconeri e Real Madrid.