Zaniolo come Baggio: “Obiettivo comune, io ce la misi tutta e andai in Giappone. In sogno, la notte…”

il Divin Codino, Roberto Baggio, con Zaniolo aveva aqualcosa in comune: tornare pronto per una rassegna nazionale dopo il grave infortunio

La prende con ironia ormai, a quasi vent’anni di distanza, Roberto Baggio. Dopo l’infortunio occorso a Zaniolo, in tanti hanno pensato al Divin Codino. Motivo? Il giovane centrocampista giallorosso ha come obiettivo a breve termine Euro 2020, l’ex stella del calcio italiano – anch’egli fermato dallo stesso infortunio – voleva invece far di tutto per rientrare pronto ai Mondiali in Corea e Giappone del 2002. Come tutti sanno, dopo essere tornato in campo ad aprile, alla rassegna asiatica non ci andò. Trapattoni non lo convocò e ci rimase male.

“Ho letto – dice Baggio al Corriere dello Sport – che Zaniolo è stato operato anche al menisco, io quel problema non lo ebbi, i menischi li avevo finiti tutti qualche anno prima. Come Nicolò avevo un obiettivo a breve, io il Mondiale e lui l’Europeo. Ce la misi tutta, feci gli straordinari e in Giappone andai tante volte. La notte, in sogno…”