Coronavirus, due calciatori violano l’isolamento e vengono denunciati: uno gioca in Italia [NOMI e DETTAGLI]

Coronavirus, due calciatori hanno violato l'autoisolamento imposto dalle rispettive società e sono rientrati in patra: denunciati

Il Coronavirus non fa distinzioni di razza o di etnia. E’ un virus letale, per tutti. Sono pochissimi i paesi nel mondo rimasti fuori dall’emergenza. E questi ultimi giorni hanno anche dimostrato che, tanti comportamenti che abbiamo visto in Italia le scorse settimane, si stanno adesso ripetendo nei luoghi in cui il virus è arrivato dopo. Tutto ciò a certificare che l’uomo, di fronte a certe situazioni, ragiona allo stesso modo.

E anche per questo motivo che a finire sotto la lente d’ingrandimento sono stati due giocatori serbi. Uno è Luka Jovic, l’attaccante del Real Madrid, l’altro è Nikola Ninkovic dell’Ascoli. Cosa avrebbero commesso? Come riportano i media del posto, i due avrebbero violato l’autoisolamento imposto dalle rispettive società. Anziché rimanere a casa, rispettivamente in Spagna e in Italia, sarebbero tornati in Serbia non rispettando le norme e venendo quindi denunciati dalle autorità competenti. “Abbiamo denunciato anche alcuni noti esponenti dello sport. Costoro ne risponderanno dinanzi ai giudici”. Sono le parole del ministro dell’Interno serbo Nebojsa Stefanovic.

Coronavirus, il Papu Gomez sbotta: “Restate a casa porca p*****a, c***o avete in testa?”

Coronavirus, Dzemaili: “Sono in ansia per il mio bambino”. Poi parla di Mihajlovic e della Serie A

Coronavirus, Marchisio: “ho amici medici, la situazione degli ospedali è drammatica”

Coronavirus, l’agente: “sono preoccupato per Ogbonna, in Inghilterra sono indietro…”