“Prima il recupero con la Samp, poi la Juve”: l’Inter non ci sta, lettera di Marotta alla Lega Serie A

L'amministratore delegato dell'Inter, Beppe Marotta, ha scritto una lettera alla Lega Serie A per chiarire le intenzioni dei nerazzurri

L’Inter deve recuperare due partite per via del rinvio causa Coronavirus. I nerazzurri chiedono che si giochi prima quella con la Sampdoria, prevista per il 23 febbraio, e poi quella contro la Juventus, che non si è disputata lo scorso primo marzo, e non viceversa come propone la Lega Serie A. La richiesta è contenuta in una lettera, firmata dall’a.d. dell’Inter Giuseppe Marotta, in cui si definisce la proposta del Consiglio per la modifica del calendario “neppure valutabile atteso che non è completa”, in quanto non prevede una data per il recupero della gara con la Sampdoria.

L’Inter “richiede che nel prossimo weekend si giochi il turno di campionato come previsto dal sorteggio” e, nel caso in cui il presidente della Lega, Paolo Dal Pino, “ritenesse di dover far slittare tale turno di campionato per consentire il recupero di gare già rinviate, che si proceda al recupero delle gare rinviate per prime in ordine di tempo, unica ipotesi, quest’ultima, legittima ai sensi delle norme di Lega e Federazione che governano l’ordinamento sportivo”. Il club nerazzurro “si riserva ogni azione e/o iniziativa qualora fossero prese decisioni in violazione delle norme regolamentari sportive e federali ovvero tali da determinare un danno in capo alla società e/o alla salute dei propri dipendenti e tesserati”, come si legge nella lettera inviata anche alle altre 19 società di Serie A, alle quali viene chiesto di esprimere la propria opinione “sul punto anche a tutela di un principio che dovrebbe evidentemente valere per tutti”.

Coronavirus, situazione drammatica in Italia: altri 27 morti, tutti i dati aggiornati

Serie C, ansia Coronavirus: tesserato a contatto con un contagiato, sospesi tutti gli allenamenti

Coronavirus, novità su Valencia-Atalanta di Champions e Getafe-Inter di Europa League

Coronavirus, emergenza in Italia: altre due partite a porte chiuse [DETTAGLI]