“Ha sempre negato tutto. Sperava che le telecamere non l’avessero ripreso”: il retroscena sul morso di Suarez

Suarez e i morsi, un binomio inscindibile. A raccontare un aneddoto a tal proposito è stato un ex compagno di squadra dell'uruguayano

Di morsi ne ha dati parecchi Luis Suarez. Il più famoso a Chiellini durante il Mondiale del 2014. Ma anche Branislav Ivanovic, ex difensore del Chelsea, è stato vittima dell’attaccante uruguayano. La Federazione inglese, dopo essere entrata in possesso delle immagini, scelse di condannare l’attaccante a dieci turni di squalifica. Ed oggi, a distanza di anni, Jamie Carragher, ex compagno di Suarez, ha scelto di confessare le parole del centravanti una volta rientrato negli spogliatoi: “Luis in realtà ha sempre negato tutto, sin dall’inizio, da quando rientrammo negli spogliatoi ed aveva la speranza del fatto che le telecamere non l’avessero ripreso in quel momento”. Le telecamere però avevano filmato tutto ed incastrarono l’attuale bomber del Barcellona.

“Vendo cannabis light, contattatemi. Ho i permessi, è tutto in regola”: la nuova attività dell’ex Serie A