“Perché devo correre in un parco e non su un campo da calcio?”, il calciatore di Serie A sbotta

Le decisioni sulla Fase 2 legati al mondo del calcio hanno fatto molto discutere. Il calciatore di Serie A ha deciso di sbottare sugli allenamenti

Il centrocampista della Lazio Parolo non le manda a dire. Il calciatore biancoceleste ha commentato duramente la decisione di far riprendere gli allenamenti per gli atleti di sport individuali dal 4 maggio e non per quelli di sport collettivi. Ecco le dichiarazioni ai microfoni di ‘Lazio Style Radio’. “I calciatori sono stati penalizzati. E sicuramente non mi aspettavo questa notizia. C’è stata l’apertura agli allenamenti individuali degli atleti del CONI che possono andare nelle strutture. Non capisco perché nel nostro centro sportivo non possiamo allenarci mantenendo le distanze e rispettando le normative, anche per riprendere contatto con il campo e con lavori sul terreno dove giochi. Perché devo correre in un parco e non su un campo da calcio?”

La Serie A a rischio crack: 10 club preparano un documento. “Costretti a vendere i big”

Serie A, la situazione dopo l’annuncio della fase 2: slitta tutto a metà giugno, le ipotesi di calendario