“Dopo la testata a Materazzi, Zidane mi ha chiesto scusa, ma non gli ho parlato per due anni…”

Confessioni a distanza di anni (ben 14), quella testata a Materazzi costò cara a Zidane: "Non gli ho parlato per due anni..."

Una finale persa è una finale persa. Soprattutto di un Mondiale. E specie se, ad influenzare il risultato, potrebbe essere stata l’espulsione provocata da una sciocchezza. Stiamo ovviamente parlando della testata di Zidane a Materazzi nella finale dei Mondiali del 2006. Noi italiani ringraziamo, ovviamente, ma soltanto noi. C’è chi, all’ex calciatore di Juventus e Real Madrid, non parlò per due anni dopo quell’episodio.

“Ho il migliore e il peggiore ricordo allo stesso tempo – racconta Sagnol a Radio Montecarlo – Eravamo molto contenti del rigore segnato da Zidane. Quando fai un cucchiaio corri dei rischi altissimi. Il mio primo pensiero è stato ‘che matto’, ma quando ha segnato ero super felice. Però mi lasciò un sapore amaro. Entri nello spogliatoio che hai perso e c’è qualcuno che parla e si scusa. Ma non lo ascolti perché sei completamente immerso nella tua delusione. Io non volevo accettare le scuse di Zidane o parlare con lui. Quello non era il momento. Dovevo andare al bagno e fumare 250 sigarette in dieci minuti. Così è come sono riuscito a non pensarci. Non abbiamo parlato per quasi due anni. Nel 2008, dopo l’Europeo, dovevo sposarmi. Mia moglie mi disse di chiamre Zizou. Lo chiamai, ci prendemmo un aperitivo e parlammo”.

Lippi, il Mondiale 2006 e il sedere mostrato ai fotografi: “Ci abbassammo tutti i pantaloni…”

Lippi tra Coronavirus e ricordi: “Ripartire dalla 26ª giornata. Quando Gattuso disse ‘ma dove c***o volete andare?’”

Lippi: “la sconfitta più amara contro il Milan ai rigori. Ecco perché scelsi Grosso per l’ultimo penalty in finale”