“Dobbiamo illuminare la strada ai figli per vivere in questo mondo di merda. Juve? Lo rifarei”: Perin confessa

Mattia Perin, portiere del Genoa (in prestito dalla Juventus) è tornato a parlare di alcuni aspetti della sua carriera, raccontando dei retroscena

Mattia Perin, tornato al Genoa (seppur in prestito) dopo un anno e mezzo di Juve, ha parlato dell’esperienza in bianconero nel corso di una diretta Instagram andata in scena con Damiano ‘Er Faina’. A partire dagli estremi difensori più forti degli ultimi anni: Il mio mito è Buffon, nessuno sarà come lui, non so per quanti anni. Per 20 anni è stato al top e solo Casillas gli si avvicina un po’, anche se tecnicamente è inferiore. Dida e Julio Cesar sono stati dei fenomeni ma per 4-5 anni, non di più. Buffon è unico nel suo genere. Ora il numero uno al mondo è Alisson. Se farei il suo vice? Ho voglia di giocare, ma mai dire mai”.

Perin non si è pentito di essere andato alla Juve: “La Juventus è tra i 5 club migliori al mondo. Potevo giocare titolare altrove, ma non mi sono mai pentito di quella scelta. Arrivavo al campo un’ora e mezza prima dell’allenamento e trovavo già mezza squadra: i successi non arrivano per caso, dietro c’è tanto lavoro. Tutti avevano un’umiltà incredibile, zitti, seri e con un’intensità pazzesca. Stando alla Juventus capisci il perché vincono da tanti anni. Tifo per loro e spero che possano vincere la Champions. Tornassi indietro sceglierei la Juventus altre mille volte“.

Su Cristiano Ronaldo: “E’ un grandissimo compagno di squadra: scherza quando c’è da scherzare, lavora quando c’è da lavorare e lì è il numero uno. Come lui e Messi ne nasce uno ogni 50-70 anni. Prima di Juventus-Atletico venne in camera mia perché aveva finito il dentifricio e mi disse di rilassarci perché notava troppa tensione in giro. Il giorno dopo, pum: 3-0 e tripletta sua. E’ un ragazzo bravissimo, l’ho conosciuto bene e vi assicuro che è diverso rispetto all’immagine che si è creata da fuori“.

Perin è di Latina. Grande rivalità con il Frosinone ma anche apertura: “Non andrei mai al Frosinone, a mio figlio però non metterei nessun paletto perché deve fare quello che lo rende più felice. Dobbiamo illuminare la strada ai figli per vivere in questo mondo di merda”.

Juventus, Cristiano Ronaldo è atterrato a Torino [VIDEO]