Inter, così è un peccato: Conte l’uomo giusto per crescere ancora, ma a queste condizioni non conviene a nessuno

Attesa in casa Inter in vista dell'incontro della prossima settimana tra il club nerazzurro e l'allenatore Antonio Conte, c'è il rischio della rottura

E’ un vero peccato. Sì perché il rapporto tra l’Inter e Antonio Conte sembra destinato ad interrompersi. Proprio adesso che il club nerazzurro era tornato su altissimi livelli, proprio adesso che uno dei club più importanti a livello nazionale e internazionale aveva raggiunto un’altra finale a distanza di 10 anni dal Triplete. Antonio Conte è riuscito nell’impresa di riportare entusiasmo ad una piazza delusa dopo le ultime stagioni altalenanti. Proprio lui, etichettato come il ‘nemico’, come lo ‘juventino’. In poco tempo il parere dei tifosi nerazzurri è radicalmente cambiato, si è subito immedesimato nell’ambiente Inter, è riuscito a convincere tutti sotto l’aspetto tecnico e comunicativo. Si tratta di un allenatore senza peli sulla lingua. Non è una novità. Ed è proprio questo che piace di Conte. Nel bene e nel male.

I meriti di Conte

Conte
Photo by Paolo Rattini/Getty Images

L’Inter è riuscita ad alzare l’asticella ed il merito è principalmente del suo allenatore. La squadra ha chiuso il campionato di Serie A alle spalle della Juventus, ad un solo punto di una squadra che domina da 9 anni consecutivi ed è arrivato in finale di Europa League. Dieci anni dopo quella dello storico Triplete. La mano di Conte si è subito vista, l’allenatore è riuscito con le proprie capacità a ridurre il gap dal punto di vista tecnico con la Juventus, i bianconeri sono ancora superiori con una rosa molto ampia e più completa. Conte ha dovuto fare i conti con una squadra ridotta all’osso soprattutto a centrocampo ed in attacco, non dimentichiamoci che per gran parte della stagione ha avuto a disposizione solo due attaccanti, Lukaku e Martinez. I primi screzi sono nati proprio per questioni di mercato, Conte ha bisogno di lavorare con una rosa completa per provare ad esprimersi al meglio.

Con il passare del tempo il rapporto si è deteriorato piano piano, fino ad arrivare alla quasi rottura di ieri. Le dichiarazioni di ieri lasciano poco spazio all’interpretazione. I problemi non riguardano l’aspetto tecnico (su cui comunque si potrebbe discutere), ma anche altri aspetti ‘misteriosi’ probabilmente di gestione. Come ad esempio l’importanza della famiglia e della vita privata. L’Inter trema per un possibile passo indietro, proprio adesso che potrebbe ridurre il gap con la Juve in Italia dopo la rivoluzione dei bianconeri.

L’inter dovrebbe continuare con Conte, ma non sembrano esserci i margini per proseguire insieme. Probabilmente già lunedì andrà in scena l’incontro tra l’allenatore e la dirigenza, al momento è impossibile sbilanciarsi in un senso o nell’altro. Ma il divorzio non è stato mai così vicino. Sarebbe un vero peccato per l’Inter, adesso che si era raggiunto un livello altissimo e che, con l’arrivo di qualche altro colpo in entrata, la squadra avrebbe puntato al definitivo salto di qualità. Ma si sa, Conte è così.  Non si risparmia con i calciatori, non si risparmia nei rapporti. E proprio come con la Juventus potrebbe materializzarsi un addio a sorpresa. L’ennesimo di una carriera ricca, fino al momento, di grosse soddisfazioni ma anche di continui momenti di tensione. Una cosa è certa, l’Inter nell’incontro di lunedì dovrà essere molto convincente. In che modo? Con promesse che vanno oltre l’aspetto sportivo. E con Allegri sempre alla finestra…

Il padre di Icardi posta una FOTO che fa infuriare i tifosi dell’Inter

Inter ko, Molinari sfotte Lukaku. E Marchisio mette like… [FOTO]

Inter-Conte, lunedì il faccia a faccia: il divorzio sembra inevitabile, sullo sfondo già il nome del sostituto

“L’Inter perde, Conte strappa”: le prime pagine dei giornali tra sconfitta e caso allenatore [FOTO]