L’ultimo addio a Paolo Rossi, Cabrini al funerale: “già mi manchi, ho perso un amico e un fratello”

Il mondo del calcio piange Paolo Rossi, oggi il funerale di uno dei calciatori italiani più forti di sempre ed in grado di trascinare la Nazionale

E’ un giorno triste per il mondo del calcio che piange Paolo Rossi. L’ex calciatore della Juventus e Nazionale è morto dopo una lunga malattia, un tumore ai polmoni. Sono stati momenti di grande emozione per l’ultimo saluto, prima il grande affetto dei tifosi del Vicenza che allo stadio Menti hanno reso omaggio all’ex calciatore, poi i funerali nel Duomo di Vicenza. Gli ex compagni del Mondiale in Spagna ’82 hanno portato in spalla il feretro: Tardelli, Cabrini, Antognoni, Collovati, Altobelli, Causio, Oriali, Dossena, Bergomi, Baresi e Galli. Sulla bara c’è anche la maglia della Nazionale.

L’addio commosso di Cabrini

Particolarmente commosso Antonio Cabrini: “ho perso un amico e un fratello. Insieme abbiamo combattuto, vinto e a volte perso, sempre rialzandoci anche davanti alle delusioni. Non pensavo saresti andato via così presto. Già mi manchi, il tuo sorriso. Voglio ringraziarti, se sono quello che sono lo devo anche al meraviglioso amico che sei stato. Stai vicino a tutti noi, stai vicino a me”. 

Il messaggio di Bergomi e degli altri ex calciatori

Paolo Rossi
(Photo by Gabriele Maltinti/Getty Images)

Molto commosso anche Beppe Bergomi. “Di quel gruppo vincente Paolo era un simbolo, non solo per quanto è riuscito a fare in campo ma anche fuori. Le sue più grandi doti sono state l’umanità e la disponibilità verso tutti, ma anche la capacità di sorridere”. 

Altobelli: “Paolo era il più grande di tutti, oltre che il più forte attaccante di tutti i tempi. Era sempre al posto giusto nel momento giusto, arrivava sempre prima. A chi vuole giocare a calcio consiglio di vedere chi era Paolo Rossi”.

Maldini: “non sapevo della sua malattia e quindi è stato un fulmine a ciel sereno. Lui ha rappresentato il calcio italiano, non ha uguali in assoluto”.