Serie C, la Viterbese risponde alle accuse della Casertana: “noi vittime non carnefici”

La Viterbese non le manda a dire, pubblicato un duro comunicato dopo la partita del campionato di Serie C contro la Casertana

L’ultima giornata di campionato ha regalato qualche momento di tensione, soprattutto in Serie C. La Casertana ha giocato con 9 calciatori perché gli altri erano risultati positivi al Coronavirus, il giorno successivo sono state riscontrate altre due positività. La Viterbese è scesa comunque in campo e la partita è finita con il risultato di 0-3. Gli ospiti sono stati accusati di non aver accettato il rinvio della partita.

Il Livorno nei guai, 5 punti di penalizzazione: come cambia la classifica di Serie C Girone A

La risposta della Viterbese

Serie CLa Viterbese si definisce vittima e non carnefice. Il club ha deciso di pubblicare una nota. “In riferimento a quanto accaduto nella giornata di domenica 20 dicembre allo stadio ‘Pinto’ di Caserta, la U.S. Viterbese 1908 è pienamente convinta che la verità verrà fuori, Certamente la procura federale e la magistratura ordinaria faranno luce su quanto successo a Caserta in una giornata dove la U.S. Viterbese 1908 tutta è stata vittima di una situazione decisamente spiacevole e non carnefice come qualcuno ha voluto far credere”.

“Apprendendo che alla ASL di Caserta non sia stato chiesto alcun parere circa lo svolgimento del match, la U.S. Viterbese 1908 non può che esprimere rammarico e stupore. La società gialloblù intende ribadire, inoltre, di aver agito nel rispetto delle regole e dei protocolli vigenti”.